Titolo

L'economia politica de "gli economisti"

2 commenti (espandi tutti)

Avevo letto, non condividendolo, il testo della lettera dei 100 economisti. NFA mi ha aiutato a capire razionalizzando le mie sensazioni. Mi è però venuta una curiosità, ho stampato l'elenco dei firmatari ed ho constatato che ad oggi le firme sono 205; analizzandole per ateneo di appartenenza si nota che 50 firme pari al 24.4% provengono da università del Nord (Piemonte/Liguria/Lombardia/Triveneto/Emilia). 92 firme pari al 44.9% provengono da atenei del Centro (Toscana/Lazio/Marche/Umbria); 47 pari al 22.9% dal Sud e Isole (Campania/Calabria/Puglia/Sicilia/Sardegna); 16 infine dall'estero, 7.8%

Da notare l'incidenza delle università romane che da sole conteggiano 63 voti pari al 30.7% del totale, contro le sole 5 firme di tutto il Triveneto.

Sembrerebbe un'analisi del tutto sterile e fine a se stessa, ma mi ha colpito il fatto che un numero così elevato di docenti del centro sud sottoscriva un testo con connotati fortemente "statalisti, mi si perdoni l'imprecisione e rozzezza del linguaggio, ne deduco che la cultura "assistenzialista" radicata in quelle regioni trova una sua legittimazione a livello culturale nelle elites accademiche. Se la mia analisi è corretta, trovo che il problema non sia tanto e solo quello della classe politica del sud ma molto più profondo e tale da spiegare la crescente dicotomia tra le 3 aree del paese. E le conseguenze si vedono; l'ultima analisi pubblicata su "Affari Italiani" la scorsa settimana dava il 61% di cittadini del nord favorevoli alla secessine.

 

Dunque tal Pagano spiega che il grande contributo delle tasse va dato alla ricerca di base. Alle domande (poste non una ma tre-volte-tre sia da S. Brusco che da s.sottoscritto) sul come si fa a dire che le psese di stato per la ricerca di "base" non vengano usate dalla formazione di un vertice per la gestione delle istruzione di livello universitario agli allenatori dei giocatori di calcetto in Trinacria, il prof. Pagano assai si irrito', imputandomi il vizio di non amare l'ovvio o la tautologia, anche se ripetuta all'infinito.

Il sospetto: essi fanno ricerca seria (non come quei rincoglioniti pre-keynesiani che scrivono su Nfa -- la formulazione e' di tal Cesaratto) e quindi meritano piu' soldi.

 

 

L'unica cosa di sapore operaio e' il salario, ovvero guarda dove vanno i soldi....