Titolo

Gli economisti e i fatti

3 commenti (espandi tutti)

primo cmmet A CALDO, poi ritornerò:

1 la produttività in Italia da 30 anni NON CRESCE  - in termini comparativi, s'intende: v. anche Fig. 1 - e questo è un FATTO SISTEMICO, tutto congiura a tal fine, ad es.: le scelte CONTINUISTICHE sul made in Italy e piccolo è bello; l'immobilità del lavoro cross-generations; il buco nero della formazione superiore; la assenza di ricerca applicata finanziata da - e performata dall'industria (il buco in confronto alla R&D nel RdM); ecc. ecc. TUTTO. Si fa orima a dire cosa sia dissonante, e  punti ad una ricollocazine dell'Italia sull'asse tedesco, verso + qualità del lavoro e fasi ad alto VA.

2 L'appello è pseudo-Pasinettiano (Luigi Maria non ha mai autorizzato né benedetto questo gruppo, che si estrinseca nel blog economiaepolitica.it, da cui trae origine l'appello immeritatamente mediatizzato, complici i coglionazzi de IlSole; en passant, le osservazioni di Michele sul presunto sotto-consumismo di detto appello, nel precedente trend di discussione, sono sia giuste che SOMMARIE e contro-caricaturali).

3 L'appello è TUTTO meridionale, e meridionalistico: http://www.facebook.com/group.php?gid=124464854253947&ref=mf#!/event.php?eid=124174520957726&index=1 domani dibattito in un santuario della cultura italiana, l'Ist. Stu. Fil.  di Napoli; quando si dice MARKETTING.

Questa storia dell'appello "meridionale e meridionalistico" l'ho già letta altrove, dove si faceva notare che "solo" il 25% dei firmatari è del Nord, ed il grosso viene dal Centro e dal Sud. Peccato che da nessuna parte nell'appello sia scritto: più spesa per il Sud.

Credo sia l'ennesima bufala (non campana) di chi cerca di buttarla in caciara senza discutere (come invece fanno i redattori di Nfa), anche l'evento pubblicizzato su facebook ne è la riprova: è un evento organizzato dall'IDV, in particolare da Luigi De Magistris, che è notoriamente napoletano, per cui non poteva certamente organizzarlo a Milano, la sede scelta è quella dell'Istituto Italiano Studi Filosofici (un covo di pericolosi economisti?), uno degli Enti che Tremonti (giustamente) non vuole finanziare più, ed a cui questo evento servirà solo per strillare che lo chiudono perchè è contro Tremonti. Bellisssimo l'inizio: saluta Gerardo Marotta, Presidente, modera Sergio Marotta... tutto in famiglia.

Mi dispiace non poterci andare, ma domani parto per Firenze dove c'è un raduno di gente che è contraria all'aumento della spesa pubblica, chissà, forse non mi accolgono in quanto napoletano..

Osservando attentamente la lista dei 205 (all'inizio 100), i lavori pubblicati e l'università in cui si sono laureati si vede che quello che li unisce sono i legami di ricerca, l'appartenenza teorica, la riconoscenza per l'incarico e non tanto il posizionamento geografico delle università in cui si trovano adesso.