Titolo

Gli economisti e i fatti

10 commenti (espandi tutti)

Giulio, mi dispiace davvero che non puoi partecipare alla Tenzone!

Contavo che come al solito, senza volerlo, mi dessi una mano.

In ogni caso lo hai già fatto. Basta aggiungere due ovvie parentesi alla frase:

 

questa crisi vede tra le sue principali spiegazioni un allargamento del divario mondiale tra una crescente produttività del lavoro (in Cina) e una stagnante o addirittura declinante capacità di consumo degli stessi lavoratori (in America)

e i tuoi dati costituiscono un valido supporto alla tesi dei 100!

Fatta questa precisazione (che pensavo essere davvero inutile per chiunque abbia seguito l'evoluzione della crisi!) firmi anche tu?

Abbracci!

 

 

Quindi una maggiore spesa pubblica la trasferiremmo ai cinesi ? Se la capacità di consumo dei lavoratori occidentali è in declino, e cerchiamo di rafforzarla con robuste iniezioni di spesa pubblica stò dando soldi ai cinesi. O no?

Re: Grazie Giulio!

Mike 29/6/2010 - 11:39

Ma se i cinesi producono di piu` guadagneranno di piu`, o no? E cosa se ne fanno dei soldi, consumano o li mettono sotto il materasso?

Re(1): Grazie Giulio!

nr 29/6/2010 - 11:58

Tutti e due. E finanziano in parte i deficit nostrani.

No, li prestano a noi per continuare a venderci i loro prodotti. Noi continuiamo a indebitarci per "sostenere il consumo", poi arriverà il conto del ristorante. Non esistono pranzi gratis.

Re(2): Grazie Giulio!

nr 29/6/2010 - 12:17

ovvio, mica ci finanziano gratis. anche se, con i tassi attuali...

Ugo, lo sai che sono sempre felice di dare una mano :-)

Ma le tue parentesi non bastano. La labor share in USA e' pressoche' costante a 2/3 da almeno il 1970 e la government share si e' ridotta, il che significa che la capacita' di consumo dei lavoratori americani e' cresciuta per 40 anni, mediamente, a un tasso di crescita superiore a quello del PIL.

Grazie, ancora un self-evident aiuto involontario!

Ne riparliamo dopo la tenzone..........

ohmioddio Ugo, davvero sara' questa la tua teoria? Ohmioddio ....

No dai, cambia idea, davvero.

Abbracci.

 

Michele, per fortuna ti mancano poche ore per aver una chance di capire che é anche la tua!

Abbracci.