Titolo

Gli economisti e i fatti

2 commenti (espandi tutti)

Ad una prima grossolana analisi, leggendo i dati della ragioneria generale, vedo che la spesa per interessi prende in Italia quasi il 20% della spesa totale; costantemente quasi il doppio delle spese in c/c. Altre indicazioni potrebbero arrivare dal dettaglio della spesa distinta per amministrazione e quella regionalizzata. Insomma il 'government share' è alto, sicuramente potrebbe essere ridotto ma soprattutto razionalizzato e reso efficiente. 

Quella che ho chiamato government share sono le imposte al netto dei trasferimenti, e' "consumo puro" del governo e in particolare non include gli interessi sul debito (che vanno nella "capital share" per la parte percepita dai residenti che detengono i titolo del debito).

 

Ok chiaro, grazie.

Quindi rientrerebbero in questa categoria cose come: servizi pubblici non compresi nei trasferimenti (istruzione, sicurezza, giustizia), spese di funzionamento dello stato, ripianamento deficit di amministrazioni periferiche, finanziamento a enti vari (cinema, ecc.), ripianamento deficit di aziende pubbliche (FFSS).