Titolo

L'intervista di Tremonti a Repubblica. Una traduzione

5 commenti (espandi tutti)

Ogni celebrazione (che sia Ustica, la strage di Bologna, via D'amelio

Ecco, la vera anomalia italiana è questa: Ustica, Bologna, via D'Amelio, ma potremmo aggiungere piazza Fontana, l'Italicus, via dei Georgofili, parte delle azioni delle Brigate Rosse e così via.

Non credo che molti altri paesi possano avere un record simile di stragi e azioni terroristiche senza un chiaro e preciso quadro di riferimento sui mandanti e le radici di chi quelle stragi ha posto in essere.

Il terrorismo basco o  l'IRA, per dirne una, nella sua criminale attività, è comunque ben inquadrabile.

L'Italia no.

C'è un'area grigia che pervade la politica e la società italiana a partire dagli anni sessanta e che condiziona tutto. Non credo che si possa capire l'Italia e la sua avoluzione attuale se si prescinde da questi aspetti.

E' vero, ed i tempi sono forse maturi perchè qualcosa salti fuori. C'è aria elettrica in giro, SB è vecchio, che ci si prepari ad una nuova stagione?

AUDIZIONE IN COMMISSIONE ANTIMAFIA
«Stragi, la politica non reggerà la verità»
I pm di Caltanissetta: su via D'Amelio vicini a una svolta

http://www.corriere.it/cronache/10_luglio_20/mafia_stragi_dfd0f376-9424-11df-8c86-00144f02aabe.shtml

Ma no, come dicevo sopra :

Ogni celebrazione (che sia Ustica, la strage di Bologna, via D'amelio o l'omicidio di Remo) qualche politico ci annuncia sviluppi sul caso infine "si costerna, s’indigna, s’impegna poi getta la spugna con gran dignità".

Sono magistrati e non politici, ma la minestra è quella. Il 21 Aprile annuncieranno la svolta sull'assassinio di Remo. :-)

Non credo che molti altri paesi possano avere un record simile di stragi e azioni terroristiche senza un chiaro e preciso quadro di riferimento sui mandanti e le radici di chi quelle stragi ha posto in essere.

Un quadro di riferimento secondo me allora c' era: la guerra fredda. Adesso non credo, è tutta roba nostra.