Titolo

Veniamo da lontano, non arriviamo mai

5 commenti (espandi tutti)

Interessante: quando hai bisogno di scaricare la tua rabbia "rivoluzionaria" (si fa per dire, si fa per dire ...) assumi il vecchio nickname rivoluzionario.

Ma non ti senti un po' ridicolo? Lo dico davvero, non ti senti un po' ridicolo a vivere una vita doppia? L'odio per il sistema, il sogno della palingenesi, i passamontagna sul viso con l'erezione proletaria di negr(on)iana memoria, empire e quelli contro, insomma tutte le pippe (squallide, dannose e per alcuni anche mortali) dell'autonomia italiana e poi la vita quotidiana da burocrate dello stato. Mah, la gente come te a me fa un po' paura, davvero. Fa parecchia paura, e non dico altro.

P.S. Grazie per la sequenza fotografica. Seppur edulcorata prova il punto del signore che contesti. Il commento alle foto, poi, prova la malafede di chi dirige questi ragazzini alla violenza e, qualche volta, alla morte. Loro o di altri. Ti ci identifichi davvero così tanto?

Il commento alle foto, poi, prova la malafede di chi dirige questi ragazzini alla violenza e, qualche volta, alla morte. Loro o di altri.

E' mai che qualcuno di questi si assuma la responsabilità di quello che ha causato (oddiò è anche avvio altrimenti non ci sarebbe malafede).

Ogni estate torniamo a parlare di quei fatti del luglio 2001...chissà perchè...

a) Pasolini avrebbe detto; Pasolini avrebbe fatto...questa è roba da inserto culturale di Repubblica, con pagine fittissime di riflessioni su "cosa avrebbero detto questi numi tutelari della sinistra italiana". E' un gioco da ombrellone? Vi diverte molto? Allora gioco anche io: per esempio, PASOLINI avrebbe scritto un vibrante editoriale nel quale avrebbe difeso Berlusconi nella sua supposta relazione con la minorenne Noemi...lui faceva così, o sbaglio?

b) Sulla vicenda Placanica-Giuliani. Il GIP ha disposto l'archiviazione delle accuse contro il carabiniere, così come peraltro richiesto dal PM. Ora, la cosa può piacere o non piacere, ammesso che queste siano cose suscettibili di forme di piacere. Ma così stanno le cose. Ma è mai possibile che a distanza di anni si debba contestare quella decisione insinuando che Placanica sia un assassino? Non ci si rende conto che si sta infangando l'onorabilità di una persona che formalmente è innocente. Ma lo capiscono i no global che questa idee delle sentenze interpretate per gli amici è berlusconismo? Lo volete capire una volta buona che le sentenze in un paese civile non si possono sempre ridiscutere per finalità politiche?

 

Perchè lo dici in risposta a me ? Non mi sembra di aver mai sostenuto il contrario, anzi aggiungerei al tuo punto "a": anche l'avesse detto Pasolini si può comunque discutere o dissentire

 

Corrado scusa, ma non volevo rispondere a te, era solo perché nella selva di interventi non volevo fare casino e mi sono messo nella coda. So bene che tu non dicevi niente di contrario a quanto ho scritto.