Titolo

Veniamo da lontano, non arriviamo mai

5 commenti (espandi tutti)

Poi venite a parlarmi di ideali liberali, mi raccomando.

?

Giovanotto, qualcuno di noi si chiama BS? Qualcuno di noi era ministro di quel governo ed addetto all'ordine pubblico al tempo? Ma che dice?

Ma lei, che uso il lei per rafforzare il senso d'irritazione che certe affermazioni gratuite mi provocano, non riesce proprio a ricordarsi che esiste la responsabilità individuale e che è inutile mettere tutto in un grande calderone ideologico? Che non ci sono i buoni tutti d'un lato ed i cattivi tutti dall'altro? Che, in maggioranza, il mondo è popolato da gente poco per bene e che li si trova ovunque, in ogni lato, convento di clausura incluso?

In particolare: che è perfettamente possibile che Giuliani non sia un'eroe ma anzi una persona in vena di mascalzonate ucciso per eccesso di legittima difesa da un poliziotto incompetente ed in stato di panico e che il Giuliani stava aggredendo assieme ad altri mascalzoni e che, ALLO STESSO TEMPO, i vertici della polizia di stato siano (o almeno fossero, al tempo) composti di mascalzoni che a Genova sia commisero mascalzonate che diedero prova d'assoluta incompetenza professionale? Non le sembra possibile proprio che ENTRAMBE le cose possano essere vere?

Ecco, a me sembra possibile, pensi un po'!

Egregio professor Boldrin,

onestamente mi riesce difficile comprendere il senso della sua tirata. Mi rendo conto che lei e' una persona impegnata, ma se decide di rispondere ad un post potrebbe prendersi la briga di leggerlo con attenzione. Tra l'altro se c'e' una cosa che davvero mi irrita e' essere tacciato di manichesimo. Sono abbastanza poco giovanotto per avere capito da tempo che i poco per bene sono dovunque (ma anche che tutti noi abbiamo una parte un po' farabutta nella nostra personalita'), anche se sono ancora abbastanza giovane da pensare che la maggioranza degli individui siano in fondo persone per bene.

Nel particolare, condivido pienamente le sue idee su Carlo Giuliani, e pensavo si potesse capire da quello che ho scritto. Quello che trovo gravi sono i fatti della Diaz e di Bolzaneto, ed ancora piu' grave e' la giustificazione/copertura/rimozione di quei fatti da parte di gran parte della classe politica e intellettuale italiana. Che c'entra Giuliani?

Infine, non si preoccupi, sono consapevole che i redattori di NfA non erano al governo con BS all'epoca, ed immagino che anche sui fatti della Diaz/Bolzaneto le nostre idee non siano poi cosi' lontane. Mi creda, non mi riferivo a voi nel mio commento (o forse lei pensa di essere l'unico in Italia a parlare di ideali liberali), ma all'assordante silenzio di gran parte della societa' italiana, compresi molti self-styled liberali.

 

 

 

Ma, e torno al tu, ti sei letto?

Il commento a cui ho risposto conteneva affermazioni improbabili assai (come hai dovuto tu stesso ammettere in commenti successivi) e terminava con quel "venite" che non poteva, dato il contesto, essere diretto ad altri se non all'estensore dell'articolo e agli altri redattori. Se quel "voi" non era diretto a noi, A CHI era diretto? Se avessi voluto parlare di terzi che non son qui (chessò, BS&Co) avresti potuto usare il "vengano", ossia la terza persona plurale. Non ti pare?

Così suggerisce il buon senso ed il buon senso ho usato visto che non m'andava proprio d'essere chiamato in causa in quel modo. Chiunque fossero questi "liberali" a cui ti rivolgevi, evidentemente sono degli ipocriti, caratteristica che non gradisco vedermi attribuita. Ho interpretato male il tuo pensiero? Può essere, ma temo sia dovuto al fatto che l'avevi espresso male. Capita.

 

Michele (sciegli tu il tono che siamo a casa tua), dopo un rilassante we al lago non ho problemi a rileggermi e ad ammettere di avere sbracato un po'. Pero' pensavo che fosse chiaro che se uno lascia la risposta ad un altro post non sta parlando direttamente all'autore dell'articolo (con cui non sono del tutto d'accordo, ma per altri motivi) ne' tantomeno ai redattori tutti (che suppongo non siate una mitologica besta a 7 teste ma entita' senzienti separate).

Io ce l'avevo con certi commenti che giravano qua e con l'attitudine tutta italiana che se glie menano a quegli altri allora non e' poi cosi' grave. Il senso del mio messaggio voleva essere chi non riesce a percepire l'estrema gravita' tanto dei fatti della Diaz e di Bolzaneto che dell'ampia copertura politica di cui i responsabili godono tuttora, potrebbe fare a meno poi di discettare di ideali liberali.

Perche' io mi saro' perso le condanne in appello (ma aspettiamo la cassazione, gli indulti e le prescrizioni, che questi non si sono ancora fatti un giorno di galera), ma resta il fatto che i responsabili sono piu' o meno tutti al loro posto in polizia e godono del pubblico appoggio di gran parte delle istituzioni (per non parlare di una buona fetta della pubblica opinione).

Francesco, ottimo. Ci siamo capiti. A me interessa solo quello.

p.s. A chi poi uno alluda, quando in un posto come questo usa la seconda persona plurale, continuiamo a pensarla in modo diverso ma, a questo punto, non è molto importante.