Titolo

Veniamo da lontano, non arriviamo mai

1 commento (espandi tutti)

Ma mica minimizzo le cose gravi che tu riporti! Tutt'altro: per me sono e restano fatti che andrebbero puniti...ma non capisco come possa pensare che io sia d'accordo che un poliziotto possa trattenere un cittadino senza motivo.

Quando dico che il comportamento delle forze dell'ordine è ascrivibile alla generale mancanza di professionalità tipica dell'amministrazione pubblica italiana lo faccio non per mettere tutto nello stesso calderone (impiegato che non mi ritira un pacco e poliziotto che ecceda le sue attribuzioni).

Lo faccio solamente per darmi conto del fatto che benché ci siano state delle violazioni dei diritti dei cittadini, quella notte maledetta non è stata la notte in cui la democrazia italiana è sprofondata nella dittatura...tutto qui. Continuare a descrivere quei fatti in altro modo è esagerato: la polizia che faceva ordine pubblico nelle strade a Cagliari, per dire, quella notte non aveva ordine di andare a pestare la gente indiscriminatamente o di andare a prelevare gli oppositori del governo dalle case in piena notte senza che questi potessero fare nulla.

Quella notte è stata, come ha detto Michele, l'intersezione di due coglionerie.

Tu lo leggi mai il Manifesto? Io lo leggevo. Io ricordo perfettamente che ogni qual volta c'era uno scontro la responsabilità era sempre della polizia, qualunque fosse la circostanza. Prima delle elezioni arrivano buste con proiettili? Mi ricordo un titolone del Manifesto (Ministro Enzo Bianco, centro-sinistra) che diceva: "puntuali all'appello"; ricordo un compagno di allora che era decisamente ottuso, ma anche lui rispose: "questi pensano che siano dal Ministero dell'Interno che le stanno inviando"... Ammazzano Marco Biagi? Via con il "reportage" sui servizi deviati...e ce ne sono a bizzeffe di esempi del genere. Io dico: le violazioni ci sono, ma perché insicriverle sempre in questi quadri che non reggono?