Titolo

La riforma anti bamboccioni

3 commenti (espandi tutti)

Caro Nervi C.

Non sono pienamente d'accordo con quello da lei scritto perchè:

1)  "miglior livello di istruzione possibile" come viene definito possibile se non possibile rispetto alle risorse economiche? Se tutti i paesi del mondo seguissero il suo consiglio, tutti i paesi del mondo avrebbero Il miglior sistema possibile. Non si può prescindere da risorse economiche. Inoltre l'articolo su lavoce.info "perchè nella ricerca non facciamo gli inglesi?" mostra come la mancanze di risorse non sia il problema principale delle università Italiane, bensì l'inefficienza.

2) Non so come si possa valutare "il livello culturale dei nostri laureati"; cultura generale, cultura scientifica, cultura nel proprio campo, numero di brevetti, start-ups? A parte questo, anche se quello che dice lei fosse vero i PhD italiani in America finirebbero comunque un anno dopo i propri colleghi americani infatti 12+4+5=21 per gli Statunitensi mentre 13+5+4=22 per gli Italiani (se si conta il K del sistema Americano, si parte da un anno prima e quindi l'età finale rimane la stessa). Comunque per esperienza personale ho molti dubbi sull'argomento. Infatti tra i vari studenti PhDs Italiani o Europei che conosco, non ce n'è uno che abbia finito in 4 anni, anzi molti in 6, 7 a seconda del campo di studi.

4) Sono d'accordissimo e i dati sul livello scadente delle superiori Italiane si possono trovare nel report PISA dell'OCSE.

Certo che un capo famiglia non può spendere milioni di euro per la formazione (tranne qualcuno), ma farà sempre il massimo consentito compatibilmente con le risorse (di tutti i tipi). Uno stato, però, soprattutto come quello italiano che non ha risorse naturali, dovrebbe investire soprattutto nel capitale umano (e cercare di trattenere i suoi figli migliori e più promettenti). Quello che volevo dire, è che secondo me prima di ridurre i finanziamenti all'istruzione ci penserei un bel po'....

mettiamola così: il grado di preparazione e l'autonomia nel condurre una ricerca di tipo scientifico da parte dei laureati italiani non è male. La nostra tesi sperimentale è invidiata. Ho diversi esempi di studenti in campo chimico che hanno ottenuto il PhD negli USA in 4 anni... Okay, sarà esperienza personale, ma è una realtà.

Dipende anche dall'università in cui si fa il PhD. "Università Americana" non è sinonimo di eccellenza per chi le conosce.

Può darsi che ci siano programmi PhD più difficili e più facili.