Titolo

La riforma anti bamboccioni

2 commenti (espandi tutti)

solo oggi si capiscono e si leggono i testi scientifici greci, che arrivano a certi livelli di modernità che nessuno si immaginava ancora pochi decenni fa

Ad esempio? Visto che qualcosina di matematica la dovrei aver imparata negli anni e visto che la modernita' di gente come Euclide, Erone, Pitagora ed Archimede e' assodata da secoli, cosa mi sono perso negli ultimi decenni?

Io lo sport lo eliminerei

mens sana in corpore sano.

Anche sull'inglese non sono del tutto d'accordo: le lingue straniere si imparano comunque sul luogo

Ed infatti in Italia se non si parla italiano si e' perduti. Non vorrei essere un turista nel belpaese. A scuola di mio figlio (a Londra, lui ha quattro anni) insegnano cinese. Nessun bambino ha difficolta'. Fanno anche molto sport. Maledetti inglesi.

solo oggi si capiscono e si leggono i testi scientifici greci, che arrivano a certi livelli di modernità che nessuno si immaginava ancora pochi decenni fa

Ad esempio?

Ad esempio, molti testi greci di acustica, medicina, teoria musicale, geografia e altre scienze "applicate" non venivano proprio letti in quanto letteratura "bassa" (e qui è tutta colpa degli idealisti alla Gentile). E quand'anche letti, non venivano capiti, perché i filologi, appunto, avevano una preparazione scientifica troppo scarsa per poter interpretare correttamente i testi scientifici, seppur antichi. Oggi si lavora in particolare su Galeno (medicina), geografia (cfr. il discusso papiro di Artemidoro), acustica (pare che i greci fossero arrivati alla comprensione della natura oscillatoria del suono), teoria grammaticale (molte affermazioni di Aristotele e Platone sulla grammatica e il linguaggio in generale sono state spiegate correttamente solo di recente). Basti dire che una grossa parte del corpus (pseudo)aristotelico non è stata mai—che io sappia—tradotta in lingue moderne, ad esempio i cosiddetti Problemata, ossia una discussione di questioni scientifiche di "basso livello", tipo: cosa sono i fulmini, perché l'acqua è bagnata ecc.