Titolo

La privatizzazione dei servizi idrici

1 commento (espandi tutti)

Allora, primo, per togliere ogni dubbio, io (soprattutto su un forum) m'incazzo con quello che viene detto e non con chi lo dice.

Per il resto andiamo con ordine.

Io non ho detto che la privatizzazione si ha da fare lo stesso in ogni caso.

Io contestavo il principio secondo il quale certe cose qui non si devono fare perché siamo in Italia.

E' chiaro che di deve tener conto del contesto reale, ma qui si sta discutendo di un referendum (e di tutto un "concetto") che vuol far passare (o anche se non vuole fa passare) l'idea che privatizzare l'acqua sia MALE, punto.

Il "concetto" non è "privatizzare nell'attuale contesto sociopolitico è rischioso", è "privatizzare è male, viva il socialismo e la libertà!".

Mentre il post e i commenti cercano di sviscerare le implicazione di una privatizzazione dell'acqua in senso generale.

Poi io non ho affermato in nessun punto del mio post che sono d'accordo con la privatizzazione dell'acqua, non ne ho proprio parlato. Ho dei dubbi, che tenterò di chiarire con un altro commento quando avrò tempo.

E mi scuso per l'idea della domiciliazione coatta, ma sa mi era parso di leggere che certe argomentazioni erano invalide perchè "ggiovvani" e col caldo si presto ad incazzarsi ;)