Titolo

Non solo produttività: lezioni dalla Polonia

2 commenti (espandi tutti)

Se anche fosse avremmo comunque due categorie di lavoratori in Italia: i giovani precari sottopagati e tutti gli altri con il solito posto fisso inamovibile.

In questo contesto è ovvio che ai giovani neolaureati vengano lasciate le briciole, visto che manca la possibilità di un ricambio generazionale.

Mi piacerebbe capire come questo rinnovamento è avvenuto in Polonia. Cosa hanno fatto dei contratti lavorativi precedenti alla svolta di cui si parla nell'articolo?

In effetti: 

1) i lavoratori con contr. a temp. ind. hanno perso parte dei loro privilegi e sono più licenziabili?

2) sono stati applicati incentivi alla produttività/coopartecipazione agli utili?

3) ci sono stati prepensionamenti?