Titolo

Non solo produttività: lezioni dalla Polonia

3 commenti (espandi tutti)

Correggimi se sbaglio ma se 1M di persone se ne vanno all'estero, non vengono piu' conteggiate tra la potenziale forza lavoro per cui il numero di occupati in percentuale aumenta. Ho detto una c**ta? 

Dipende da due cose.

In generale, se si usano i dati provenienti dalle rilevazioni della forza lavoro, ossia le LFS, a meno che non ci siano differenze con l'Italia, stiamo guardando un campione di famiglie residente nel paese e presenti negli elenchi anagrafici dei comuni al momento dell'estrazione. Quindi l'individuo che emigra non viene più rilevato dall'indagine solo se cambia la residenza dal proprio paese di provenienza a quello in cui è attualmente, perché non fa più parte del nucleo familiare.

Se invece sono presenti nel campione e non si vuole tenerne conto, li si esclude tenendo in considerazione solo chi risiede e lavoro nel paese di residenza.


E secondo voi, che hanno fatto ?

O meglio, mettiamo che l'indagine la fa un governo, questo teme di essere svergognato o trova la maniera di abbellire i dati ?

Ci sono delle statistiche su come i governi fanno le statistiche ?

 

 

E secondo voi, che hanno fatto ?

O meglio, mettiamo che l'indagine la fa un governo, questo teme di essere svergognato o trova la maniera di abbellire i dati ?

Ci sono delle statistiche su come i governi fanno le statistiche ?

Penso che in Polonia come in Italia dei rapporti sulla qualità delle rilevazioni vengono sicuramente fatti e resi pubblici, così come conosciuti sono gli aspetti problematici, ma non penso che sotto ci siano trame oscure dei governi per abbellire i dati.