Titolo

La spesa per istruzione in Italia

5 commenti (espandi tutti)

Perché si spende tanto per la scuola dell'obbligo e meno per le scuole superiori? E' molto semplice: sulla scuola dell'obbligo si sono fatti sentire gli effetti del calo demografico che ha quasi dimezzato le coorti di nati. Gli effetti del calo demografico sono stati invece compensati dalla maggiore partecipazione degli studenti all'istruzione della scuola secondaria di secondo grado e dell'università. Ora oltre il 70% dei diciannovenni consegue la maturità e circa il 50% si iscrive all'università.  I governi che si sono avvicendati dagli anni novanta non hanno avuto il coraggio di attuare, o almeno pianificare, una diminuzione del corpo docente ed invece, almeno nel caso della scuola elemntare, hanno messo in atto riforme che richiedevano un aumento degli insegnanti. E' probabilmente meglio per gli scolari avere due maestri (uno a righe e uno a quadretti) anziché uno, ma le motivazioni per la istituzione della co-presenza di maestri a righe e  maestri a quadretti è stata prevalentemente sindacale. Ora si sta cercando di tornare indietro. Anche qui si fa finta di di mettere in opera "riforme" e in realtà si cerca di diminuire il personale e contenere la spesa. Auguri!

 

I governi che si sono avvicendati dagli anni novanta non hanno avuto il coraggio di attuare, o almeno pianificare, una diminuzione del corpo docente 

 

e come? Le maestre non laureate non possono passare su altre graduatorie, i prepensionamenti costano, i trasferimenti ad altri settori del pubblico impiego non ne parliamo nemmeno, non mi sembra che il turnover abbia fatto entrare tante nuove insegnanti... 

 

i trasferimenti ad altri settori del pubblico impiego non ne parliamo nemmeno

Questo pero' non lo capisco. Le maestre hanno (si suppone abbiano) una buona alfabetizzazione.

Ci sono mille ambiti in cui si potrebbero impiegare gli esuberi (anche rispettando la localizzazione regionale o fin provinciale): nei musei, negli uffici PA, nei comuni, nelle nuove provincie...

Fermo restando che alle elementari il tempo pieno da 40 ore mi sembra una ricchezza formativa assolutamente da non disperdere.

I governi che si sono avvicendati dagli anni novanta non hanno avuto il coraggio di attuare, o almeno pianificare, una diminuzione del corpo docente 

e come? Le maestre non laureate non possono passare su altre graduatorie, i prepensionamenti costano, i trasferimenti ad altri settori del pubblico impiego non ne parliamo nemmeno, non mi sembra che il turnover abbia fatto entrare tante nuove insegnanti...

Io scommetto che bastava solo agire sul turnover per non avere nessun eccesso rispetto alla media OCSE di ingegnanti / alunni.  Hai alcuna evidenza del contrario?  Non puzza di imbroglio all'italiana il fatto che generalmente tutti gli altri Paesi OCSE hanno un rapporto insegnanti/alunni inferiore a quello italico?

Io scommetto che bastava solo agire sul turnover per non avere nessun eccesso rispetto alla media OCSE di ingegnanti / alunni.  Hai alcuna evidenza del contrario?

Aspetta, pero' forse e' meglio se non trasformiamo la scuola dell'obbligo in un cimitero degli elefanti over 55...