Titolo

La spesa per istruzione in Italia

4 commenti (espandi tutti)

Provo a portare una ventata di ottimismo, perchè le cose sembrano cambiare da città a città. Io vivo a Milano e mio figlio frequenta la scuola materna pubblica (dai 3 ai 6 anni). Gli orari sono veramente ottimali (possibilità di ingresso anche alle 7.30 ed uscita anche alle 18) e sinceramente mi sembra che almeno chi vive a Milano non si possa lamentare, ma piuttosto possa essere felice per tale situazione.

Provo a portare una ventata di ottimismo, perchè le cose sembrano cambiare da città a città. Io vivo a Milano e mio figlio frequenta la scuola materna pubblica (dai 3 ai 6 anni). Gli orari sono veramente ottimali (possibilità di ingresso anche alle 7.30 ed uscita anche alle 18) e sinceramente mi sembra che almeno chi vive a Milano non si possa lamentare, ma piuttosto possa essere felice per tale situazione.

Mi fa piacere.  Quali sono i costi?  A Parigi mi pare di capire 50 Euro al mese, piu' il contributo per il pranzo, fino alle 18:30 (i costi reali sono pagati via tasse, ovviamente).  Mi pare anche di ricordare che solo il 50% delle richieste per asili nido sono soddisfatte dai servizi comunali, o sbaglio?  Non so quale e' la percentuale per le scuole materne.

La scuola è gratuita per ciò che riguarda gli orari, ovviamente c'è un contribunto per la refezione in funzione del reddito (max 68 € al mese).

Per ciò che riguarda le richeste c'è molta differenze (almeno sulla base dell'esperienza personale e di amici con figli) tra asili nido (0-3 anni) dove la percentuale del 50% mi sembra corretta, e scuola dell'infanzia. Non saprei dire quale sia la percentuale per quest'ultime, ma mi verrebbe da dire superiore:  non conosco persone che non siano riusciti ad inserire i figli presso una scuola dell'infanzia (ma non dubito che sicuramente ci saranno), mentre ho conosciuto persone che non sono riusciti a mandare i figli al nido. Se trovo dati al riguardo aggiungerò un post.

saluti 

Ho trovato qualche informazione, aggiornata al 2009, sulle scuole dell'infanzia, che sembra garantiscano, soprattutto a Milano, ridotte liste d'attesa. Le graduatorie per l'anno 2010-2011 a Milano pare confermino tale situazione, con un numero di persone in attesa, ma non esageratamente alto. 

Probabilmente il problema piu' rilevante e' legato alla carenza di asili nido, forse dovuto anche ai maggiori costi che queste strutture richiedono; in alcuni casi, poi, per chi ne ha la fortuna, esistono nidi aziendali.

Per le scuole dell'infanzia pero', penso che almeno a Milano si possa essere soddisfatti.