Titolo

Too big to fail

5 commenti (espandi tutti)

Non lo so.
Mi chiedo: chi ha in mano il debito sovrano irlandese?
Quanti cittadini, quante banche?
Come sono legati Anglo-Irish e debito sovrano?
È possibile un effetto domino?
Se per esempio Anglo-Irish ha sempre finanziato il debito sovrano, cadendo non potrà piu' farlo ma è anche vero che il secondo potrebbe anche sentirsi alleviato dal fatto che è fallito un creditore.
Mi chiedo anche io dove sbaglio.
Francesco

il secondo potrebbe anche sentirsi alleviato dal fatto che è fallito un creditore.

Tempo fa avevo chiesto (forse proprio qui?) se il fallimento della banca dove ho i mutui mi avrebbe avvantaggiato, ma mi è stato risposto che avrei semplicemente continuato a pagare le rate a chi si becca il mio mutuo dall'esecutore fallimentare o da chi se lo compra.

Come sono legati Anglo-Irish e debito sovrano?

Scusate l'ingenuità: sono certo che Michele faceva una domanda retorica, ma non sono ancora attrezzato a capirla e quindi vi chiedo lumi.

Non è che chi possiede azioni o obbligazioni di AIB (adoperate come collateral per altro debito, che mi pare sia l'usanza universale...), in larga percentuale possiede anche debito irlandese? Se così fosse, in caso di fallimento di AIB, questi dovrebbero vendere immediatamente anche i loro titoli di stato per ricoprire le posizioni (si dice così?).

Potrebbe essere questo il meccanismo?

Non è che chi possiede azioni o obbligazioni di AIB (adoperate come collateral per altro debito, che mi pare sia l'usanza universale...), in larga percentuale possiede anche debito irlandese? Se così fosse, in caso di fallimento di AIB, questi dovrebbero vendere immediatamente anche i loro titoli di stato per ricoprire le posizioni (si dice così?).

Direi proprio di no: se hai un mutuo ventennale con una banca e questa necessita di liquidità allora non può certo venire da te a chiederti i soldi prima della scadenza del mutuo.

Se hai offerto azioni od obbligazioni di una banca a garanzia (collateral) di un mutuo, puoi stare certo che questo contiene una clausola per cui, in caso di deterioramento del valore dei titoli, o ricostituisci la garanzia o rimborsi il mutuo in anticipo.

Giuseppe, sulla tua prima affermazione.

Se la banca che ti ha fatto il mutuo fallisce, la tua obbligazione debitoria non si estingue, tu devi ancora il mutuo al curatore fallimentare e poi a chi se lo compri. Ciò che succede, però, è che i CREDITORI non assicurati (tipicamente, chi ha prestato soldi alla banca sull'interbancario o via obbligazioni) perdono tutto o parte del loro credito.

Sulla seconda ipotesi. Si', è una circostanza possibile. Però, mi domando, son tutti che han deciso di violare la regola della diversificazione questi bancari?