Titolo

Too big to fail

4 commenti (espandi tutti)

Giusto per precisare, Anglo Irish e' quella che nel worst case scenario costera' 35bn ai taxpayer, nel best case 29bn (da aggiungere a tutte le precedenti iniezioni di capitale), e non e' mai stata una banca 'retail'.

AIB, invece, e' Allied Irish Bank, la piu' grande banca retail del paese che nello stock market vale 600 milioni di euro e che il governo ha praticamente nazionalizzato ieri decidendo di ricapitalizzare per 7bn di euro, visto che ha difficolta' a rifinanziarsi da sola.

Ci saranno lacrime e sangue nel budget di dicembre, il governo ha gia' detto che i 3bn di spending cuts non sono piu' sufficienti, quindi dvoranno andare oltre.

Tanto per essere pedante, AIB e' una sigla che indica cose diverse in posti diversi. Sulle borse azionarie americane e europee (continentali), AIB indica Allied Irish, su quelle britanniche (Londra e Dublino), indica Anglo Irish. Allied Irish nella borsa di Dublino e' ALBK. Se poi invece guardiamo al mondo obbligazionario, le cose si invertono. Diciamo che sarebbe tutto piu' semplice se una comprasse l'altra :-)

 

Ok, se parliamo di mercato azioanrio non ho idea, ma nei giornali irlandesi la distinzione e' chiara.

Riguardo l'acquisto reciproco, adesso e' tutto dei taxpayers irlandesi quindi siamo a posto :D

Avete ragione, avete ragione, avete ragione (anche Federico e gli altri, più sotto). Ho fatto casino volendo usare la sigla, senza ricordarmi delle altre. Nota fatta in fretta senza pensarci troppo ...

SCUSATE! Mi cospargo il capo di cenere per la confusione creata.