Titolo

Too big to fail

3 commenti (espandi tutti)

Non ti sembra che il LTV sarebbe automaticamente imposto in un regime di tassi liberi? A parte che la bolla ammesso che il LTV sia efficace si sposterebbe probabilmente a un altro settore e imporrebbe altri interventi (ammesso che sia riconoscibile)

Mi sa che siamo sempre alle solite: per sopperire a un fallimento di stato (soppressione di un prezzo) se ne aggiunge un altro (invenzione dell LTV). Poi ne seguono necessariamente ancora altri: salvataggi indiscriminati, tassi ancora piu' bassi, altre bolle, etc 

Tassi liberi sono incompatibili con le funzioni di una moderna banca centrale. Da nostalgico del Gold Standard posso anche essere d'accordo con te, ma se vogliamo essere realisti mi pare che le possibilita' di cambiare l'attuale sistema in tale direzione sino trascurabili, non foss'altro per ragioni politiche: in regimi di suffragio universale, viene sempre eletto il governo che promette di "fare qualcosa" per risolvere le crisi (quando non anche massimizzare l'occupazione, come richiesto per statuto alla Federal Reserve).

Sono d'accordo: le bnche centrali sono organismi politici nelle mani di politici e nulla piu' (...probabilmente ben peggio di questo) nè penso che la credulità del popolino possa essere eliminata nello spazio di una notte. E' invece una battaglia intellettuale: molti economisti scrivono su questi thread. Potrebbe essere loro compito iniziarla sistematicamente e evidenziare per esempio il ruolo altamente destabilizzante del loro operato oltre la gigentesca redistribuzione di risorse che determinano a favore dei ceti piu' vicini al potere politico e al settore bancario commerciale