Titolo

Processo alla Meritocrazia

2 commenti (espandi tutti)

Da ignorantone non credo che l'autonomia delle realtà temporali del Concilio Vaticano II sia da applicare anche alle parabole ma solo alle cose create.

Comunque concordo che lo scopo delle parabole sia far intendere il "regno dei cieli" agli uomini e sia quindi sbagliato intenderle letteralmente (come, scherzosamente, ho fatto nel mio commento precedente).

Allo stesso tempo non ha torto Francesco perchè alcune parabole contengono insegnamenti per la vita terrena (ad esempio la parabola citata che, facendo intendere come nel regno dei cieli sia premiato chi sviluppa il talento donato, lascia pensare che il merito sia apprezzato tout court)

Allo stesso tempo non ha torto Francesco perchè alcune parabole contengono insegnamenti per la vita terrena (ad esempio la parabola citata che, facendo intendere come nel regno dei cieli sia premiato chi sviluppa il talento donato, lascia pensare che il merito sia apprezzato tout court)

Appunto, come pensare che una parabola evangelica voglia contemporaneamente apprezzare il merito in cielo e disprezzarlo in terra? Poi chiaramente in se' la parabola non è un motivo in piu' o in meno per essere a favore del merito. Solo indica come la cultura religiosa dovrebbe, a ben vedere, considerare positivamente il merito. Se vuole essere coerente con il suo credo.Se poi la coerenza, come spesso accade, viene messa in soffitta, questa è altra storia.

Francesco