Titolo

Vennero per gli zingari e non ero zingaro

6 commenti (espandi tutti)

Giovanotta di Sorbonne, quando mai, ammesso e non concesso che questi siano abbronzati, l'abbronzatura e' una ragione per deportarli? donne, asini, bambini e capre????

 

 

 

Ginelli et les confreres, almeno siamo d'accordo sugli assiomi fondamentali

se questi sono cittadini, hanno i diritti di tutti i cittadini (siano e no cristiani, siano o no abbronzati)

domanda assai piu' seria: esiste un qualcosa di un po' meno nazista? Marcello nota una cosa seria: molte di queste reazioni da Hans Frank sono dovute alla fallimentare esperienza del gestire e se necessario applicare la legge, che si applica a reati non ad apparteneneze etniche, religiose, etc.

ma chi li deporta....

vorresti proporre 1 suite al Ritz o meglio 1 attico dans le 2 eme

 ma tu ti sei mai trovato a tu x tu con 1 di questi e con 1 coltello alla gola ? credimi che il colore della pella era l'ultimo dei miei pensieri ....ma tutto il resto il primo

Abbiamo cancellato un commento offensivo di un certo ''Gianni Pontremoli'' che a questo punto siamo abbastanza sicuri non sia il vero nome. Ne sono risultati cancellati anche alcuni commenti di risposta; ci scusiamo con gli autori di tali commenti.

Scusate signori redattori, gradirei conoscere la vostra opinione se voi ritenete che il ruolo di uno che scrive un articolo in questo blog sia diverso da quello delle persone che hanno solo il ruolo di commentare.

Grazie

Non sono sicuro di aver capito la domanda. Comnque direi di no: accettiamo articoli da chiunque pur che siano interessanti e/o ben documentati.E l' autore firmi o ci mostri una buona ragione per non farlo.

Poi magari con i collaboratori ed altri commentatori abituali i rapporti personali hanno un certo peso, ma non "uffcialmente" (uso le virgolette perche' qui la parola stesa suona buffa).

Scusami della mia poca chiarezza alla domanda ma non volevo subito dare evidenza a riguardo delle motivazioni all'origine della richiesta, che comunque per me sono abbastanza evidenti.

La mia domanda non ha niente a che fare con i contenuti degli articoli ma sulle modalità di risposta ai commenti dei lettori iscritti, è chiaro che non puoi sapere in anticipo gli atteggiamenti e i criteri di come un nuovo autore reagisce/risponde ai commenti del suo articolo.

Ciò non toglie che io personalmente darei evidenza che la scelta di collaborare tra gli autori non si limita ai paramatri da te indicati ma che si dovrebbero estendere anche alle modalità di risposta ai commenti che dovrebbero rimanere un pelino più alti/empirici/oggettivi e indirizzati a sedare più che ad aizzare.

Avendo esaurito gli attacchi violenti su castronerie che siano vere o espresse in modalità sbagliate, la scuola dove si ha studiato (con tutti gli altri studenti chiaramente) siamo arrivati a criticarne  anche l'ortografia.

Spero che gli autori almeno indichino che le critiche dell'ortografia di qualcun altro non siano tra le finalità di arricchimento culturale che dovrebbero dare questo blog.

Cordialità