Titolo

Vennero per gli zingari e non ero zingaro

3 commenti (espandi tutti)

Interpellato da Tempi, De Corato (politico di lungo corso, di cui è noto l'eloquio spesso militaristico, che alcuni hanno definito “da Far West”, ma che è in effetti difficile immaginare commettere una gaffe del genere) smentisce: «Non ho mai detto niente del genere. Vero è che il nostro obiettivo è da tempo quello di sgombrare i campi abusivi nel territorio milanese, ma l'articolo riporta espressioni razziste che certo non appartengono al mio linguaggio e nemmeno al mio pensiero. Auspico si sia trattato di un problema con la traduttrice, e non di malafede».

http://www.tempi.it/interni/0010008-de-corato-smentisce-il-washington-post-gergo-razzista-che-non-mi-appartiene

Che De Corato sia razzista, ci posso anche credere, sebbene le sue tradizioni politiche non siano caratterizzate da pregiudizi verso le persone dalla pelle scura ( http://www.youtube.com/watch?v=RkimYf2wt7E ); ma che lo vada a dire ad un goirnalista del WP no. De Corato è un politico navigato, mica uno skinhead.

Considera che i nostri politici non sono abituati a trovarsi davanti dei veri giornalisti che fanno loro delle vere interviste. Molti non sono capaci di gestire una cosa cosi` impegnativa per le loro meningi. Non e` improbabile che si sia lasciato scappare affermazioni del genere.

Riguardo alla questione ROM illuminante l'intervista a Cacciari sul campo di Venezia, minuto 55 in poi.

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-4a7c8533-7b4a-43c...

 

Se i nostri politici sono fessi, noi che li eleggiamo cosa siamo?

Più in dettaglio: se i politici che hanno vinto le elezioni (come De Corato) sono fessi, quelli che le hanno perse cosa sono?