Titolo

Vennero per gli zingari e non ero zingaro

9 commenti (espandi tutti)

 

Dai, siamo seri, tanto al nord (e te lo dico da milanese) come al sud (dove ogni tanto non disdegnano di bruciare qualche campo nomadi) gli italiani sono razzisti, omofobi e intolleranti.

Concordo, resta il fatto che al centro sud non è mai nato un partito dove le dichiarazioni intolleranti contro meridionali zingari romeni musulmani ecc.ecc. non solo sono tollerate ma sono sono usate per raccogliere voti. Con un certo successo direi.

Esci dalla stazione di Brescia e da quella di Cagliari, chi non nota differenza è perchè non vuol vedere se non noti differenza è perchè non vuoi vedere

Emma Bonino che ho ascoltato alla radio ieri stava dicendo che comunque la situazione sta cambiando in quanto gli immigrati arrivano prevalentemente dove ci sono soldi, puoi quindi intuire che il contesto tra le diverse aree d'italia sono diverse a seconda della ricchezza.

La conclusione del lineare ragionameno della  Bonino è che ci pentiremo della futura mancanza di immigrati in quanto anche le regioni ricche stanno diventando povere.

Immagino di come i disoccupati del nord italia stiamo mettendo questo problema in cima dei loro pensieri.

 

Concordo pienamente con Spike: è vero che a Roma, da quando è stato eletto Alemanno, le aggressioni a omosessuali sono diventate quasi prassi quotidiana, però è anche vero che il povero Alemanno ogni volta si indigna, va a chiedere scusa a nome della città, si costituisce parte civile ecc. Mentre un Gentilini, ad esempio, non lo farebbe mai.

Per correttezza a quanto ho detto precedentemente devo aggiungere un bel per ora.

Non sono cieco e vedo perfettamente che la situazione sta cambiando.

Concordo pienamente con Spike:

I tuoi pregiudizi anti-leghisti ti fanno forse credere che De Corato abbia qualcosa a che fare con le Lega Nord?

è vero che a Roma, da quando è stato eletto Alemanno, le aggressioni a omosessuali sono diventate quasi prassi quotidiana, però è anche vero che il povero Alemanno ogni volta si indigna, va a chiedere scusa a nome della città, si costituisce parte civile ecc. Mentre un Gentilini, ad esempio, non lo farebbe mai.

Hai esempi almeno di fatti aneddotici al posto dell'esternazione dei tuoi pregiudizi? In questo blog e' d'uso portare qualche argomento, possibilmente qualche dato decente, e limitare la pura areazione delle corde vocali.

"Concordo, resta il fatto che al centro sud non è mai nato un partito dove le dichiarazioni intolleranti contro meridionali zingari romeni musulmani ecc.ecc. non solo sono tollerate ma sono sono usate per raccogliere voti. Con un certo successo direi."

Ma quanti voti milanesi potrebbe raccogliere De Corato con una dichiarazione intollerante al Washington Post? Quante copie vende il WP a Milano?

Dai, siamo seri, tanto al nord (e te lo dico da milanese) come al sud (dove ogni tanto non disdegnano di bruciare qualche campo nomadi) gli italiani sono razzisti, omofobi e intolleranti.

Concordo, resta il fatto che al centro sud non è mai nato un partito dove le dichiarazioni intolleranti contro meridionali zingari romeni musulmani ecc.ecc. non solo sono tollerate ma sono sono usate per raccogliere voti. Con un certo successo direi.

Il partito di De Corato prende piu' voti a Sud e specie a Roma e in Lazio piuttosto che a Nord, sia ora che in passato.  Quando scrivi e' quantomeno fuori tema in questa discussione.

la lega prende i voti di 1/3 dell'elettorato del nord e negare che usi continuamente slogan xenofobi significa che non si è particolarmente attenti a quello che dice, o si ascolta solo quello che fa piacere.

Se quello che scrivo per te è fuori tema e preferisci invece concentrarti su di esso, puoi tranquillamente saltare i miei commenti.

 

la lega prende i voti di 1/3 dell'elettorato del nord

Adesso non esageriamo per favore, che qui mica siamo tutti leghisti, se no sembra che siamo davvero sull'orlo della secessione.

Alle regionali la Lega ha preso: in Veneto il 35% dei voti validi (affluenza 66%), Piemonte 17% (affluenza 65%), Emilia Romagna 13% (affluenza 68%) Liguria 10% (affluenza 65%) e Lombardia 26% (affluenza 65%) -- e a Milano, che saremo ciellini ma non valligiani, la Lega ha solo il 17%.

Totale, al nord un avente diritto al voto su sette e' andato a votare la Lega. Oppure ancora, al nord la Lega ha preso il 23% dei voti validi.