Titolo

Vennero per gli zingari e non ero zingaro

1 commento (espandi tutti)

se ho capito bene, in caso di correlazione positiva, si dovrebbe pensare ad astutissime demagogie, concepite a freddo?

Beh in realta' un governo ha *sempre* meno problemi di stabilita' se riesce a concentrare gli elettori su problemi "esterni". Vale per l'Italia di adesso (BS vs comunisti, cioe' tutti, o SX contro Berlusconi), e' valso per l'Italia di prima (DC perche' senno' arrivano i Comunisti, DX no perche' abbiamo gia' dato), e via dicendo. Possiamo andare anche all'estero (Hitler vs giudei && comunisti && capitalisti && negri && ecc. ecc. - ho usato i suoi termini, non prendeteli per spregiativi personali) o magari nel passato (Nerone vs Cristiani). In Argentina, in crisi e con una dittatura militare, rivendicarono le Malvinas.

Non e' una questione di astutissime demagogie, e' semplicemente un calcolo elementare (direi piu' o meno terza, forse quarta - insomma, dove arrivano i politici medi italiani): la folla ha una intelligenza bassa, devi ammansirla con ragionamenti facili - magari illogici, ma basta che suonino bene - e qualche "esterno" lo trovi sempre, basta decidere dove vuoi mettere i paletti.