Titolo

Parliamo seriamente di Vendola (II). Concorrenza e mercato

2 commenti (espandi tutti)

Basta che il governo lasci andare per un po' i cordoni della borsa, convincendo i mercati che il tempo della responsabilità è già passato. Vendola lo sa, e sa anche che più di tanto le tasse non si possono aumentare.

Siamo sicuri che Vendola lo sappia?  Siamo sicuri che inebriato dalla benedizione di una vittoria elettorale non se ne dimentichi?  In Argentina c'e' un'intera classe dirigente che ritiene che non rimborsare interessi e titoli di Stato e appropriarsi delle risorse della banca centrale sia una politica socialmente corretta e non nuoccia alla credibilita' internazionale di lungo termine e all'economia del loro Stato.  C'e' evidenza empirica che Vendola non sia della stessa pasta?  L'evidenza che ho io e' che Vendola afferma che e' sbagliato ridurre il debito pubblico e rispettare patti di stabilita' finanziaria di Stati ed enti locali, che personalmente ritengo ragionevoli.

 

In Francia oggi ritorna ministro Alain Juppè, una figura che ha fatto discutere:

http://fr.wikipedia.org/wiki/Alain_Jupp%C3%A9#Affaires_judiciaires