Titolo

Parliamo seriamente di Vendola (II). Concorrenza e mercato

8 commenti (espandi tutti)

Mah, e se fosse semplicemente il caso che l'economia mondiale nel 2010 cresce a un ritmo più sostenuto che nel 2009, che fu anno orribile, per cui la domanda di prodotti italiani è aumentata?

La Puglia è la quarta regione in Italia dopo Sardegna, Sicilia e Lazio per l'incremento delle esportazioni. Si colloca molto al di sopra della media italiana (+14,3%) e supera l'Italia nord-occidentale (+12,7%), l'Italia nord-orientale (+13,9%), l'Italia centrale (+16.4%) e l'Italia meridionale (+15,6%).

Non so, se è merito di Vendola l'aumento delle esportazioni pugliesi allora dovremmo anche concludere che Cappellacci in Sardegna, Lombardo in Sicilia e whatever in Lazio (dove il cavallo è cambiato a metà dei nove mesi) sono ancora più meritevoli. A me pare un po' improbabile.

è poi importante la base : la Puglia vale il 2% delle esportazioni italiane e la Lombardia il 28%

QUI

 

Grazie Aldo. Numeri veramente impressionanti. La Sicilia al 2,6%. Incredibile.

si difende con le importazioni 4,2%

fosse così l'Italia avremmo un deficit commerciale di 185 miliardi 

grazia a Dio nel 2009 è stato solo di 6 miliardi 

 

è poi importante la base : la Puglia vale il 2% delle esportazioni italiane e la Lombardia il 28%

OK pero' la Lombardia ha ~9 milioni di abitanti e la Puglia ~4.  Il confronto corretto e' esportazione per abitante, la Lombardia supera la Puglia per un fattore ~6.2. Tenendo conto che anche senza i trasferimenti di Stato la Puglia ha un PIL pro-capite ~50% di quello della Lombardia, ci si potrebbe aspettare un fattore ~2, non ~6 di maggiori esportazioni pro-capite della Lombardia rispetto alla Puglia.  Il fattore 3 che sta tra 6 e 2 si puo' attribuire al malgoverno interno all'Italia.

Credo Aldo volesse semplicemente dire che quando la base è bassa è facile osservare aumenti o decrementi percentuali molto forti, che corrispondono in realtà a cambiamenti assoluti contenuti. Per cui, statisticamente, alle code di una distribuzione come quella sulle esportazione per regione sarà più facile trovare regioni con poche esportazioni.

Tra l'altro, guardando un po' i numeri mi pare che praticamente per nessuna regione il (doppio del) dato 2010 superi il dato 2008, che già fu di crisi. Quindi le esportazioni migliorano rispetto all'anno di crisi più nera ma non abbiamo ancora recuperato del tutto.

Su quale sia la percentuale ''giusta'' di esportazioni è difficile dire perché dipende dalla specializzazione produttiva della regione. Però un dato come quello della Sicilia salta agli occhi.

volevo dire quello

voglio anche osservare che le esportazioni verso l'estero delle regioni è un dato puramente statistico

La bilancia commerciale significativa di un ente territoriale è quella rispetto al resto del mondo per cui sarebbe interessante conoscere anche esportazioni ed importazioni verso il resto d'Italia.

voglio anche osservare che le esportazioni verso l'estero delle regioni è un dato puramente statistico

Tipica minimizzazione all'italiana.  La quota di PIL che va in esportazioni e' uno dei tanti indicatori che aiutano a comprendere come funziona un'economia, regionale o statale o continentale.  L'indicatore se preso da solo e isolato dal contesto puo' anche dare un'immagine fuorviante, ma nel caso specifico delle Regioni del Sud Italia e' evidente che il loro basso livello di esportazioni rispetto al Nord Italia e' uno dei tanti indicatori del fatto che si tratta di regioni con economia asfittica, poco avanzata, poco competitiva nel commercio internazionale, orientata principalmente al consumo sussidiato da trasferimenti statali.

La bilancia commerciale significativa di un ente territoriale è quella rispetto al resto del mondo per cui sarebbe interessante conoscere anche esportazioni ed importazioni verso il resto d'Italia.

Non e' cosi', l'interscambio con regioni vicine appartenenti al medesimo Stato e' attivita' significativamente meno complesso che l'interscambio con Stati stranieri con lingue, specializzazioni ed economie diverse.