Titolo

Lega Nord, da cura a cancro

5 commenti (espandi tutti)

Io non vedo come si potesse avere la benché minima fiducia nel "progetto" Lega Nord quando fin dall'inizio i dirigenti leghisti si sono posti come il baluardo dell'ignoranza e dell'irrazionalità popolare. Mi spiace, ma la fiducia era malriposta.

Proprio ieri leggevo di una campagna promossa da idv praticamente identica nei contenuti a questo articolo. Carino il titolo "sLEGAti"... speriamo riesca a far rinsavire qualcuno, ma ci credo poco.

Dalle mie parti, in Toscana, la Lega va molto bene nelle frazioni e nelle campagne, dove talvota supera anche il 10%. Nei centri urbani è ancora all'1%. Tanto per capire una volta di più il target di riferimento.

ah beh, se la resistenza contro "l'"ignoranza" e la "irrazionalità popolare" è l'IDV....

Per quanto riguarda il target, se la Toscana funziona come l'altra regione rossa per eccellenza, cioè l'Emilia, saprai benissimo che a queste latitutini, Lega o non Lega, è la sinistra maggioritaria nelle campagne e nei piccoli centri, mentre il cdx è più forte in complesso nei centri urbani. Fermo restando che non è scritto da nessuna parte che quello che viene dalle città sia di per sé meglio di quello che viene dalle campagne, personalmente abito in campagna (over 50% PD) e sono fieramente country

 

Nella prima Lega c'erano persone che ragionavano

Castellazzi , Formentini , Pagliarini , Rocchetta , Gnutti , Tabladini , Staglieno , Petrini ed altri

i tre Roberti ( Castelli , Calderoli , Maroni ) li hanno fatti fuori tutti a uno a uno ed al trio se ne è aggiunto un quarto Cota

 

e non riesco a capire come i leghisti veneti , così orgogliosi della loro terra e della loro storia , facciano da zerbini alla cricca lombardo/varesotta.

 

Nella prima Lega c'erano persone che ragionavano

Castellazzi , Formentini , Pagliarini , Rocchetta , Gnutti , Tabladini , Staglieno , Petrini ed altri...

il desaparacidos rocchetta me lo ricordo bene, e non può essere considerato alla stregua degli altri. a mio avviso, era animato da un furore "spirituale" tristissimo, una vera sofferenza per lui e per noi. l' Italia non credo che debba essergli riconoscente.

sarebbe interessante sapere se in veneto lo ricordano ancora.

e non riesco a capire come i leghisti veneti , così orgogliosi della loro terra e della loro storia , facciano da zerbini alla cricca lombardo/varesotta.

Già. C'è però una ragione: se sei leghista e esci dalla lega sei un rinnegato. La LN in Veneto (non so altrove) è una sorta di setta che si innesta perfettamente nel sistema leninista dell'organizzazione leghista. Ci sono allora due tipi di leghisti. Il leghista meditato, che è forte e sa anche uscire (presumo Michele Boldrin, per esempio) e il leghista debole, che non ha una sua forza di carattere e ne rimane invischiato, come nelle sette, appunto.

E poi i Veneti sono fatti così: laora e tazi (lavora e taci), muli. E un mulo non protesta se lo tratti male.