Titolo

Lega Nord, da cura a cancro

21 commenti (espandi tutti)

Scusa Alberto ma un periodo del tipo:

la LN rimane l'unico partito che sottolinea sostanzialmente in modo corretto i piu' importanti problemi italiani, e che almeno indica una strategia per risolverli.

che significato ha? Serve a qualcosa predicare bene se poi si razzola male?

Non capisco la critica, tu pensi che sia preferibile un partito che oltre a razzolare male predica anche male?  Inoltre la LN ha l'attenuante che non e' quasi da nessuna parte maggioranza assoluta, come fai a tradurre quanto predichi se in Parlamento sei il 10% e nella maggioranza sei il 20% contro un 90-80% che non vogliono quanto proponi?  Al massimo realizzerai il 10-20% di quanto proponi, se va bene.  Dove ha governato per oltre 10 anni, tuttavia, come in prov. di Treviso, c'e' la raccolta differenziata credo all'80% e il rapporto Caritas-CNEL ritiene sia stata realizzata la migliore integrazione degli immigrati di tutta Italia.

Ti sembra davvero che questi guitti meritino la tua difesa? E poi

gli altri partiti disponibili sulla scheda elettorale cosa hanno fatto? Per me solo danni, piu' della LN.

che argomento è? Perché dobbiamo sempre accontentarci del male minore?

Chi e' relativamente meglio degli altri merita di essere difeso, senza con questo difenderne la totalita' delle buffonate e degli errori. Poi non ho detto che dobbiamo accontentarci del male minore.  Se c'e' qualcuno che offre soluzioni migliori ben venga. Chi offre soluzioni migliori oggi come oggi, e mostra di poter prendere un po' di voti per non essere irrilevante?

Alberto, sei confuso sia sui fatti che sulla logica.

Fatti: appena ho un attimo, forse due, mi dedicherò a fare il contropelo alla tua lunga serie di "fatti" che hai esposto sopra. Molti puoi renderti conto da solo che sono fantasie, in particolare TUTTA la disanima su CiU e la Catalonya (non ho idea di chi diavolo voglia l'indipendenza in Cantabria, ma transeat ...). Non so se ti rendi conto: ha portato di più a casa RC nell'ultimo governo Prodi, dal punto di vista di RC, ovviamente, che la LN in vent'anni! Ma non basta, poi ci sono anche i fatti che ometti, quelli negativi. Le ronde, il Trota, la struttura interna nord-coreana, le ruberie, la banca del nord, ... Alberto, anche QUEI fatti contano per definire una classe politica!

Logica: appropriarsi di un problema tanto drammatico e cruciale per poi abbandonarlo e svuotarlo, uccidere un progetto politico per insipienza, trasformarlo in una pagliacciata, renderlo lo zimbello del paese e del mondo, convincere i propri elettori che è equivalente a bere l'acqua santa del Po o a fondare una troiata inventata da dei poveretti che nemmeno conoscono la storia delle provincie dove sono nati (i comuni medievali? Ma quali comuni, ma dove? Ed a Venezia che invece avevamo una Repubblica, come facciamo? E Padova a chi la diamo? E Brescia? Bergamo? Modena a chi ritorna? Ma ti rendi conto?), istigare i propri elettori a credere nella costruzione ideologica del "Volks" (vuoi evidenza? La porterò...), eccetera: tutto questo è criminale. È MOLTO più grave di quanto possano aver fatto Bersani & Co, molto più grave. E lo è proprio se pensi che un federalismo compiuto sia l'unica soluzione dei problemi italiani. Lo è perché la LN ha reso impossibile e ridicolo il federalismo in Italia, per decenni a venire! Il problema non è controllare se hanno aumentato tasse e spesa pubblica più del PD (hanno fatto anche quello). Il problema è capire come hanno fottuto i loro stessi elettori.

E sto tralasciando il patto con BS e la creazione di Voltremont come grande leader politico nazionale e futuro presidente del consiglio! Altro che confronti con il resto per scegliere il meno peggio: la LN è un cancro che ammazza il Nord, prima che il resto del paese. E si vede.

 

 

Altro che confronti con il resto per scegliere il meno peggio: la LN è un cancro che ammazza il Nord, prima che il resto del paese. E si vede.

 

da parte di uno che vede la Lega come la peggior iattura capitata a questo paese, sarei comunque contento se si evitasse l'uso di queste metafore (cfr. S. Sontag) che hanno una storia tristissima

Non capisco la critica, tu pensi che sia preferibile un partito che oltre a razzolare male predica anche male?

No. Dico so0lo che predicare bene non è un merito se poi si razzola male. Inoltre a voler cercare, tutti i partiti qualcosa di sensato lo hanno proposto il problema è che poi, regolarmente, non lo fanno. Che LN non faccia perchè non ha i numeri (tua posizione) o perchè, come gli altri partiti, pensa ai fatti suoi (mia congettura ) è questione aperta. Pur non avendo la maggioranza, la LN aveva sicuramente delle leve (effeto ago della bilancia) per ottenere da BS molto di più se avesse voluto.

Secondo me i meriti di alcunti (o di molti) amministratori locali non vanno confusi con le colpe della dirigenza centrale: mentre Napoli affoga nei rifiuti, la provincia di Salerno, che è confinante fa la differenziata da più di 10 anni, è merito del PD? O elemento per poter dire che il PD è meno peggio? Io non credo. Semplicemente la virtù degli amministratori locali (di tutti i colori) per quanto encomiabile non può bilanciare le colpe di una dirigenza centrale marcia e connivente.

Quanto al meno peggio varia tristemente da individuo e regione, per qualcuno portrà essere IDV o Grillo etc.

La mia critica, dalla quale è partito il thread, è sulla logica, non sulle idee della lega.

La lega è al governo, localmente ininterrottamente da vent'anni, e seppur non maggioranza assoluta, ha senza dubbio la golden share. Ora se si ritiene che non ha prodotto nulla, come si fa a dire che è sempre meglio di chi sta all'opposizione da vent'anni? E' un'affermazione tautologia che toglie il pungolo a chi governa (vale anche per le regioni rosse) e genera le caste.

La lega è al governo, localmente ininterrottamente da vent'anni, e seppur non maggioranza assoluta, ha senza dubbio la golden share.

La LN e' stata al potere con possibilita' di fare qualcosa solo in alcuni comuni e province, con poteri e risorse minime.  Entro questi limiti ha governato complessivamente meglio degli esponenti di altri partiti. Questo basta agli elettori, evidentemente.

Se con sufficienza onestà riescono a gestire le problematiche di un comune è semplicemente perchè le conoscenze per fare quelle attività sono limitate.

Gestire le strutture nazionali, le strategie e le soluzioni in ambito nazionale è TUTTO UN ALTRO DISCORSO.

I rappresentanti della LN non hanno mediamente  la minima cultura per poter gestire e affrontare problematiche nazionali, non solo, sono talmente limitati che non entrereanno mai in altre regioni italiane perchè proprio non hanno possibilità di capire le modalità di come ottenere i voti.

 

P.S. complimenti a Boldrin per l'articolo

Se con sufficienza onestà riescono a gestire le problematiche di un comune è semplicemente perchè le conoscenze per fare quelle attività sono limitate.

Gestire le strutture nazionali, le strategie e le soluzioni in ambito nazionale è TUTTO UN ALTRO DISCORSO.

I rappresentanti della LN non hanno mediamente  la minima cultura per poter gestire e affrontare problematiche nazionali, non solo, sono talmente limitati che non entrereanno mai in altre regioni italiane perchè proprio non hanno possibilità di capire le modalità di come ottenere i voti.

Sulla competenza non vedo differenze rispetto al politico medio degli altri partiti, tipicamente avvocaticchio senza competenze economiche.  Riguardo a prendere voti la LN ha un certo successo, almeno nel Nord Italia.

Sulla competenza non vedo differenze rispetto al politico medio degli altri partiti, tipicamente avvocaticchio senza competenze economiche. 

 

Infatti il cancro della Lega al massimo può evidenziare e accelerare la morte della nazione amplificando gli attriti tra Nord e Sud, visto che anche a mio parere non è in grado con l'attuale dirigenza a definire un idoneo federalismo, figuriamoci la politica economica dell'Italia.

A mio parere siamo morti a prescindere perchè in Italia ormai si vede il problema come se fosse limitato tra nord e sud e io lo vedo invece  causato dalle solite problematiche culturali dell'Italia che anche se un pò più accentuate al sud sono in ogni caso presenti in tutta l'italia.

Sinistra, centro e quella poca rimasta di destra non servono a niente perchè abbiamo dei problemi culturali trasversali in tutta l'italia.

Riguardo a prendere voti la LN ha un certo successo, almeno nel Nord Italia.

Certo, perchè al nord dove delle problematiche sono più evidenti  basta mettere dei gazebo e attaccare gli altri partiti per ottenere i voti.

Quello che i dirigenti LN non capiscono è che mettendo i gazebo e attaccando gli altri partiti politici nel centro-sud non vai da nessuna parte , perchè i voti seguono meccanismi diversi che loro non riescono a scardinare con il loro modello organizzativo dove  i voti sono poco legati alle persone di riferimento ma al partito stesso.

Hanno provato a farlo in Sardegna e gli altri partiti hanno goduto come porci a crocifiggerli in tutti i giornali ed isolarli dalle alleanze, tenete conto che il contesto sardo è molto più favorevole rispetto a tante regioni del centro-sud

Loro applicano uno schema e non ne conoscono altri perchè non li capiscono e/o non vogliono capirli, in ogni caso non hanno capacità di cambiamento e non funzionano con le loro modalità di avanzamento nell'organizzazione.

 

A mio parere siamo morti a prescindere perchè in Italia ormai si vede il problema come se fosse limitato tra nord e sud e io lo vedo invece  causato dalle solite problematiche culturali dell'Italia che anche se un pò più accentuate al sud sono in ogni caso presenti in tutta l'italia.

I problemi culturali italiani sono gravi ed e' difficile pensare di potere risolverli.  La cultura e' arcaica, elitistica,  stupidamente umanista e prescientifica, amante della forma e del cavillo, non c'e' nulla da fare, sara' difficilissimo evolvere e si tratta veramente del maggiore problema dell'Italia.  Le differenze tra Nord e Sud invece sono un problema superabile, ma la presenza e il funzionamento dello Stato italiano le preservano e le esacerbano, facendo un danno sia ai meridionali che ai settentrionali.  In questo caso la soluzione e' semplice, basta una secessione visto che mi sembra manchino competenze e onesta' sufficienti a realizzare un federalismo serio.  Come Paesi indipendenti, nel contesto europeo, si sono sviluppati molto meglio del Sud Italia tutti i Paesi piu' poveri del continente, dall'Irlanda alla Spagna alla Grecia al Portogallo.  Mi stupirebbe che proprio solo il Sud Italia non dovesse essere in grado di seguire uno sviluppo simile, una volta indipendente.

Quello che i dirigenti LN non capiscono è che mettendo i gazebo e attaccando gli altri partiti politici nel centro-sud non vai da nessuna parte , perchè i voti seguono meccanismi diversi che loro non riescono a scardinare con il loro modello organizzativo dove  i voti sono poco legati alle persone di riferimento ma al partito stesso.

Sei inutilmente criptico e fumoso.

Al Nord i cittadini sono derubati fiscalmente e le loro risorse vengono impiegate per garantire i lussi dei vertici statali, specie a Roma, la spesa clientelare meridionale e gli aiuti ai grandi industriali padani assistiti. Basta sottolineare l'indecenza dello Stato italiano in confronto con gli standard vigenti oltre le Alpi per raccogliere non pochi voti (anche se poi non e' proprio cosi' semplice, ci sono molti altri dettagli da curare, molti ci hanno provato a fare i leghisti scornandosi anno dopo anno ma senza avere successo elettorale comparabile).

Al Sud denunciare l'indecenza dello Stato non serve anzi e' controproducente perche' e' proprio lo Stato che e' il maggior datore di lavoro dipendente legale, e' proprio lo Stato che riversa la ricchezza sottratta al Nord. Questa situazione si protrarra' finche' eventualmente non si verifichi un collasso sostanziale dello Stato italiano, che lo renda incapace di beneficiare le clientele meridionali. Fino a quel momento non vedo proprio come la LN possa sfondare elettoralmente nel Sud.

Loro applicano uno schema e non ne conoscono altri perchè non li capiscono e/o non vogliono capirli, in ogni caso non hanno capacità di cambiamento e non funzionano con le loro modalità di avanzamento nell'organizzazione.

Direi che la LN ha un programma ed un'identita' definita, che puo' raccogliere solo un consenso molto minoritario nel Sud Italia.  Nemmeno Mandrake puo' cambiare questo dato di fondo.

Mi stupirebbe che proprio solo il Sud Italia non dovessere essere in grado di seguire uno sviluppo simile, una volta indipendente.

Io mi stupirei, invece, poco se il sud, dopo una secessione, non replicasse ciò che è avvenuto in altri paesi poveri europei. Ci sarebbe il rischio concreto che, al contrario, diventasse una specie di failed state: quello che in Irlanda e Portogallo non c'era, ed è un macigno colossale, è la presenza massiccia e capillare di tre tra le più grandi organizzazioni criminali al mondo. Una volta terminati i trasferimenti, la disoccupazione esploderebbe e vaste praterie di conquista e arruolamento si aprirebbero per camorra, mafia e 'ndrangheta (e/o una sorta di guerra civile tra la parte sana e la parte malata del sud). 

Poi, anche io sono convinto della necessità di un federalismo fatto bene, ma deve andare insieme ad una riallocazione di risorse dello stato centrale verso una lotta, direi, quasi militare alle mafie. Sennò non se ne uscirà mai. 

Ovviamente se il tuo giudizio è che la lega ha goveranto complessivamente bene, le obiezioni cadono visto che partivano da un'affermazione contraria (LN non ha ottenuto nulla).

Aggiungo solo che nelle ultime tre legislature regionali LN ha avuto in lombardia 10 seggi su 43 della maggioranza, poi 11 su 36 ora 18 su 41, in Veneto 6/31 7/27 18/31,più che sufficienti per incidere in modo sostanziale

Ovviamente se il tuo giudizio è che la lega ha goveranto complessivamente bene, le obiezioni cadono visto che partivano da un'affermazione contraria (LN non ha ottenuto nulla).

Sbagli a confrontare comuni e province (dove la LN ha governato da sola) col governo nazionale, che e' l'unico dove si puo' pensare di avviare una qualche decente soluzione questione meridionale e settentrionale. Nel parlamento nazionale la LN ha avuto: 8.4%, 10%, 4% e 8.4% nel 2008. Non abbastanza per raddrizzare un sistema che il restante ~90% vuole mantenere come e'.

Aggiungo solo che nelle ultime tre legislature regionali LN ha avuto in lombardia 10 seggi su 43 della maggioranza, poi 11 su 36 ora 18 su 41, in Veneto 6/31 7/27 18/31,più che sufficienti per incidere in modo sostanziale

Mi risulta che Lombardia e Veneto siano tra le Regioni meglio gestite, specificamente nella Sanita'. Non mi risulta che l'assessore alla Sanita' in Veneto o Lombardia si faccia pagare le escort dagli imprenditori che vendono apparecchiature sanitarie come nella Puglia di Vendola. Ovviamente nel governo regionale non puoi risolvere la QM e la QS, spero ti possa essere chiaro... Sara' interessante verificare il risultato tra 5 anni ora che la LN ha circa 1/2 dei consiglieri della maggioranza in Veneto e Lombardia.

La tua teoria è quindi che LN non ha concluso nulla in 20 anni perché ha preso troppi pochi voti a livello nazionale?

meglio o peggio?

chemist 17/11/2010 - 17:54

Credo che la domanda logica sia: con la LN le regioni/le province/i comuni da essa governati sono effettivamente stati amministrati meglio che in precedenza?

alberto dal 2001 al 2005 LN aveva 30 senatori su 324, senza di loro non c'era la maggioranza(FI+AN+UDC 156 7 in meno del necessario) ora ad inizio legislatura na aveva 26 su 322, di nuovo niente LN niente maggioranza (PDL 146 ). Negare che ha la golden share, e quindi tutta l'opportunità di incidere come vuole,è negare l'evidenza.

Quindi i casi sono due:

Si reputa che abbia fatto un'azione politica efficace e allora ok

Si reputa che non ha avuto un'azione politica efficace e allora, visti i numeri, la colpa è solo ed esclusivamente da imputare a lei.

per la Lombardia ti dice niente Cè? 

 

non so in Veneto ma in Lombardia abbiamo una sanità di eccellenza tanto che ti tolgono un polmone o ti cambiano le valvole del cuore anche se non ne hai bisogno , alla faccia delle liste di attesa

Bossi ricoverato in un ospedale svizzero se ne fuggì nottetempo per andare in un ospedale lombardo. 

 

Certo, la sanità è uguale dappertutto, difatti tu potendo scegliere tra Milano e Napoli tireresti la monetina. Bah.

L'Umberto lo sanno anche le pietre perché se n'è andato in Svizzera, non facciamo i bambini.

abitando a pochi chilometri ed avendo sottoscritto una generosa assicurazione io scelgo la Svizzera

penso che l'Umberto ( caspita che confidenza! ) l'abbia scelta per lo stesso motivo mio.

Anche tu problemi di naso intasato? Non mi sembra una cosa di cui vantarsi.

P.S. La Svizzera! Bel modo di svicolare, complimenti.

è solo perché non volevo replicare alla tua risposta su "Alessandro" e su Pipitone