Titolo

Lega Nord, da cura a cancro

7 commenti (espandi tutti)

Quindi, secondo te, se 28 milioni di persone, residenti in una della aree più produttive d'Europa, vogliono diventare indipendenti non se li "caga" nessuno ? Anzi: chi avrebbe interesse a riconoscerli ? Spero tu non faccia l'ambasciatore!

PS

Forse ti è sfuggito come in Germania, negli anni della secessione Slovena e Croata, in non pochi (specialmente in Baviera) guardassero speranzosi al movimento leghista sperando in un'ulteriore divisione e  progettando una UE di soli stati "ricchi".

 

Quindi, secondo te, se 28 milioni di persone, residenti in una della aree più produttive d'Europa, vogliono diventare indipendenti non se li "caga" nessuno ?

beh, fondamentalmente...sì. Perché dovrebbero riconoscere uno stato nato da una interpretazione pretestuosa del principio di autodeterminazione che non si sa se onorerà i debiti? E quale stato europeo accetterebbe un precedente del genere?

Forse ti è sfuggito come in Germania, negli anni della secessione Slovena e Croata, in non pochi (specialmente in Baviera) guardassero speranzosi al movimento leghista

vuoi dire quel simpatico periodo di picnic come Sarajevo e Vukovar? Bell'esempio... forse questo può spiegare delle cose. Vuoi vedere che il compagno Putin ha dato a Silviuccio nostro le prove dei finanziamenti occulti della CSU alla Lega?

A parte che le frequentazioni della Lega con l'Internazionale identitaria, NPD incluso

http://danielesensi.blogspot.com/search/label/identitari

in Germania attenzionerebbero subito il BND.

 

28 milioni di persone una ceppa, gli elettori leghisti sono 3 milioni, ovvero UN "padano" su NOVE. E se non basteranno i carabinieri e i militari al 90% terroni a farli desistere, mi riservo il diritto di sparare a vista, da "padano", albero genealogico alla mano, da almeno due secoli, ai golpisti secessionisti, perchè tali sono, trattandosi di un'esigua minoranza della popolazione dello "stato" che secede.

Dove i secessionisti, leghisti o no, saranno in minoranza è ovvio che non secederanno. Dove saranno in maggioranza, eventualmente larga, è ovvio lo che faranno.

Se, poi, tu prenderai la testa di carabinieri e militari e ti metterai a sparare, immagino che, minimo, farai una brutta figura.

non penso alla secessione di una parte

più probabile , con la nascita delle leghe del sud , una "separazione consensuale"

il debito sarebbe diviso in base al PIL ( ogni parte partirebbe con lo stesso Debito / PIL ) con qualche concessione modesta , in fase di negoziazione alla parte più debole.

28 milioni di persone una ceppa, gli elettori leghisti sono 3 milioni, ovvero UN "padano" su NOVE.

Il consenso alla LN e' minoritario, anche al Nord, ma queste affermazioni sopra sono il tipico esempio di propaganda all'italiana, incompetente e disonesta.

Il consenso alla LN e' tra quelli che votano intorno complessivamente al 20% nel Nord Italia, e questo e' quello che conta, non il numero di voti diviso la popolazione incluso chi non vota, inclusi i neonati e gli alunni delle elementari.  Il consenso alla secessione e' credo nei sondaggi intorno al 25% e un altro 25% circa di residenti del Nord ritiene la secessione conveniente ma non auspicabile.  Complessivamente il 50% dei residenti del Nord, approssimativamente, ritiene la secessione conveniente, prima dell'ultima crisi economica.

Anche chi e' obnubilato da sentimenti italo-fascistoidi dovrebbe preoccuparsi che lo Stato italiano funzioni al meglio possibile, perche' non ci vuole molto a catalizzare una maggioranza assoluta a favore della secessione in tutto il Nord Italia.  Poi, esibizioni di italianita' furbastra, incompetente, disonesta favoriscono il consenso alla secessione.

Amaryllide è bello commentare su nfa perchè si cerca di seguire un ragionamento, per rispondere a caso senza leggere i commenti precedenti potrei consigliarti tanti altri blog presenti sul web.

Io stavo rispondendo a Marinobib che ipotizzava che la comunità internazionale non avrebbe avuto interesse a riconoscere un eventuale nuovo stato "Nord Italiano", il che è una solenne stupidata.

Tutto il ragionamento che fai tu giusto o sbagliato non c'entra una "cippa" con quello di cui si sta parlando.