Titolo

Lega Nord, da cura a cancro

2 commenti (espandi tutti)

Il CdS appoggia i governi, da sempre. La FIAT pure, da sempre. Quando c'era da appoggiare BS l'hanno appoggiato. Non appoggiano la LN? No, non l'appoggiano. È per questo che ce l'hai con loro? Comprensibile, visto che sei un fan della LN. Ma tra questo e teorizzare che sono di sinistra c'è un mare.

Mi stai esaurendo su questo tema... Dove avrei scritto che il CdS e' di sinistra???? Bel modo di discutere, inventare le tesi altrui.

Il CdS e' organo di propaganda e disinformazione al servizio degli imprenditori assistiti che scelgono il PD, e in subordine Fini e Casini (quindi sia CS che CD), unicamente perche' ritengono questi partiti i migliori alleati per ricevere protezione, sussidi e aiuti statali. Quello e' il loro interesse primario, altro che sinistra, complessivamente sono gli eredi dei fan di Bava Beccaris, hanno incassato la spesa pubblica fascista, dubito che siano molto cambiati, per fortuna i tempi sono cambiati anche se non abbastanza.

Ti riassumo per l'n-sima volta come la penso su questo tema.  I grandi imprenditori assistiti sono in maggioranza contro BS, per ragioni loro, forse perche' BS li batte nello sfruttamento dello Stato a suo vantaggio, magari hanno anche ragione e per diversi aspetti li si puo' ritenere migliori di BS, sta di fatto pero' che sono in maggioranza contro BS e sono in maggioranza contro la LN che si oppone ai sussidi alla grande impresa. 

Gli assistiti non sono ne' di destra ne' di sinistra, sono per i sussidi e la protezione di Stato a loro favore. Gli va bene che la TAV costi in Italia 3-6 volte di piu' che in Francia, Germania e Spagna: incassano loro.  Non gli importa molto delle tangenti, dei lussi dei vertici romani, della spesa clientelare al Sud, purche' tutto cio' non riduca i loro interessi personali, specificamente oltre alle commesse pubbliche protezioni e aiuti di Stato, eventualmente anche tramite aiuti al Sud lasciando colare una parte del grasso in quei posti.

Nella situazione politica recente, ritengono che corrisponda meglio ai loro interessi il PD, e in subordine Fini e Casini. Sono disposti ad accomodamenti temporanei col CD e con BS in particolare (Ruggiero, Quadrio Curzio) quando non hanno altra scelta. Ovviamente incassano qualunque cosa arrivi anche dal CD, ma continuano a ritenere sul lungo termine che saranno piu' garantiti col PD, e in subordine da Fini e Casini, e usano i mezzi a loro disposizione per avvantaggiare i primi e per danneggiare BS+LN.

C'e' stato o non c'e' stato l'endorsement ufficiale del Corriere della Sera a favore del PD e in subordine a Fini e Casini? Se il CdS fosse governativo come scrivi, perche' avrebbe dovuto fare quell'endorsement esplicito contro il ~40% dello spettro politico del Paese?

 

complessivamente sono gli eredi dei fan di Bava Beccaris

scadiamo nel ridicolo

e sono in maggioranza contro la LN che si oppone ai sussidi alla grande impresa. 

vabbé, Alitalia ce la siamo sognata la notte e comunque "go ahead, make my day": Non diamo più il centesimo alla Fiat, poi ai subfornitori che non vedono più un euro glielo vai a spiegare te che è per il loro bene. In quanto li fai i cento metri?

 

Gli va bene che la TAV costi in Italia 3-6 volte di piu' che in Francia, Germania e Spagna: incassano loro. 

e voi state nel governo che vuol far chiudere Report quando rende pubblico questo andazzo

i lussi dei vertici romani

invece il Trota campa a pane e cicoria e vive in un tugurio

 

C'e' stato o non c'e' stato l'endorsement ufficiale del Corriere della Sera a favore del PD e in subordine a Fini e Casini? Se il CdS fosse governativo come scrivi, perche' avrebbe dovuto fare quell'endorsement esplicito contro il ~40% dello spettro politico del Paese?

 

Bell'esempio di marxismo volgare: pensi che il CdS sia unicamente un megafono della classe dominante che pedissequamente ripete la linea del padrone? Un filo di autonomia della sovrastruttura no, eh?

Appunto, contro il 40% dello spettro politico del paese: che se l'aritmetica non è un'opinione è una minoranza visto che il 60% non è d'accordo. E oltre al dato numerico, vogliamo parlare della qualità della leadership e della performance? Pressione fiscale invariata, ministre che si danno della "cagna" in pubblico, debito pubblico in aumento, SB ormai patologico, Calderoli che si crede il Montag di Farenheit 451 e brucia le leggi inutili, amministrazioni locali che cacciano fuori ordinanze cervellotiche: tre anni buttati, ce n'è abbastanza da dare un endorsement a chiunque altro, anche ad Attila l'Unno, ai barbari di Kavafis e al canaro della Magliana, piuttosto che a loro.