Titolo

Di chi è vittima l'Irlanda?

11 commenti (espandi tutti)

Serve a capire come il famoso "mercato" sia una bestia delicatissima, che va sia "attentamente" che "soavemente" regolata e come sia rischiosissimo lasciare che il "mercato" venga identificato con "quelli che comandano il mercato" ed il "regolatore" divenga "il politico con gli amici ricchi e potenti".(..). E che non c'entrano nulla con il "liberismo", la "concorrenza" e tutto il resto

A volte mi vengono riflessioni che non condivido, eccone una: quanto sopra non è in fondo l'equivalente liberal del marxista che si illude che essendo Pol Pot, Stalin, Castro dei dittatori non hanno mai applicato il vero comunismo perchè il vero comunismo se ben applicato avrebbe funzionato ?

Per farla breve: il nostro confidare nel mercato e nella libera impresa in teoria è, in realtà, inapplicabile perchè la libera impresa tende al monopolio ed alla speculazione ed i politici che dovrebbe "soavemente" regolare tendono sempre alla corruzione?

Ma il punto è che l'impresa riesce nel monopolio grazie all'appoggio politico e la BCE ne è infatti un tipico strumento. La soluzione quindi c'è, esiste ma è in primis una battaglia di idee, culture

Chiaro, ma la mia insinuazione è:

siamo proprio certi che sia un chiamiamolo "malfunzionamento" e non invece inevitabile perchè nella natura dell'uomo (uomo imprenditore, uomo politico, uomo controllore)?

PS

da qui l'esempio del marxista: per me è inevitabile, data la natura umana, che un sistema socialista diventi una dittatura inefficiente

Sono d'accordo sul fatto che il nostro sistema è destinato a fallire. Ma la causa non è nella natura umana ma nella sua impossibilità a calcolare. Un punto che è totalmente ignorato dal mainstream economico che invece ritiene perfettamente possibile il socialismo: è solo una questione di incentivi.

Serve a capire come il famoso "mercato" sia una bestia delicatissima, che va sia "attentamente" che "soavemente" regolata e come sia rischiosissimo lasciare che il "mercato" venga identificato con "quelli che comandano il mercato" ed il "regolatore" divenga "il politico con gli amici ricchi e potenti".(..). E che non c'entrano nulla con il "liberismo", la "concorrenza" e tutto il resto

A volte mi vengono riflessioni che non condivido, eccone una: quanto sopra non è in fondo l'equivalente liberal del marxista che si illude che essendo Pol Pot, Stalin, Castro dei dittatori non hanno mai applicato il vero comunismo perchè il vero comunismo se ben applicato avrebbe funzionato ?

se qualcuno ti sa rispondere, e perdippiù gratis! avrà anche la mia riconoscenza :-). osservo che il marxismo lo ha scritto marx, a cui oggi inviamo le nostre critiche postume. il mercato è stato, per stare bassi, variamente interpretato e teorizzato... non è marchio registrato, insomma.

Il mercato ha funzionato nel lungo periodo ed anche nel breve - aumentando il tenore di vita della popolazione etc. Il comunismo non ha mai funzionato.

Devo dire che non sono del tutto d'accordo con l'interpretazione implicita della corrente crisi. La si vede come il frutto avvelenato di una  bolla speculativa, che si definisce pessima a priori. Si potrebbe avanzare un'interpretazione diversa, della bolla cone anticipazione della crescita futura. Se l'Irlanda avesse continuato la sua crescita solida del periodo pre 2002, avrebbe raggiunto il reddito 2007 magari nel 2014 (non ho i dati sottomano, ma penso sia facile fare il conto). Invece lo ha raggiunto sette anni prima, salvo crollare allo steady state. Bene, il party è stato bello finchè è durato. Sarebbe stato meglio non averlo? Boh: si tratta di preferenze intertemporali sociali. Io sarei per la crescita lenta ma solida, personalmente. Ma magari la maggioranza preferisce l'uovo oggi. Basta che sia chiaro

Il mercato ha funzionato nel lungo periodo ed anche nel breve - aumentando il tenore di vita della popolazione etc. Il comunismo non ha mai funzionato.

ehm, semplicemente mi vergognavo a dirlo anch'io, non ho i titoli...

Io sarei per la crescita lenta ma solida, personalmente. Ma magari la maggioranza preferisce l'uovo oggi. Basta che sia chiaro.

bene, questa è proprio la logica del debito, che non è cattivo a priori, senno basterebbe abolirlo. diciamo che il mercato esistente, non una di quelle migliaia di teorizzazioni diverse a posteriori, ha commesso degli errori su come valutarlo, oppure ha cambiato idea...succede, shit happens.

That's true, professore, that's true.

Però poi, quando dopo la festa hanno la "resaca" si lamentano perché il vino non era buono abbastanza e rischiano d'imporci vent'anni di astinenza. Quello è il problema, come ben sai.

Però poi, quando dopo la festa hanno la "resaca" si lamentano perché il vino non era buono abbastanza e rischiano d'imporci vent'anni di astinenza

 

Ma no, al massimo un paio di anni. I party sono cosi' divertenti.  Ben bernanke ha gia' riaperto il bar e la ECB fa la faccia feroce ma distribuisce alcoolici nel retrobottega

Bella la provocazione e merita una risposta economicamente valida.. (non da me ovviamente)

Potremmo dire che il sistema del mercato è un second best.. 

Mi spiego: esiste un sistema migliore che non implementi questi danni? Se postuliamo che il sistema evolve verso queste posizioni perché è nella natura umana, allora dovremmo anche supporre che non esiste un sistema umano immune. Potremmo solo pensare ad un sistema migliore che presenti degli "anticorpi" validi. Attualmente il libero mercato impedisce l'istituzionalizzazione del vizio e credo sia già un ottimo risultato

La tua risposta mi sembra più che soddisfacente.