Titolo

Di chi è vittima l'Irlanda?

2 commenti (espandi tutti)

Non mi sembra che gli austriaci assumano l'infallibilità del mercato. Tutt'altro ma per rimanere in argomento per esempio un sistema aureo avrebbe posto un limite alla crescita degli aggregati monetari ben prima che raggiungessero tali dimensioni.

Eh, magari: il fatto che la base monetaria non sia gonfiabile con le stampanti della zecca non significa che la massa monetaria non lo sia, se interviene l'espansione del credito (gli irlandesi non potevano stampare euro, ma questo non li ha salvati). Personalmente sono anch'io ostile alla fiat money, ma non attribuisco all'oro poteri taumaturgici: il vantaggio, piu' limitato, sarebbe quello di prevenire misure di stabilizzazione che finiscono col creare moral hazard (per tamponare lo scoppio di una bolla si gettano le basi di quella successiva). I cicli boom-bust si verificherebbero lo stesso, ma almeno non crescerebbero progressivamente di dimensioni (il principio che in informatica si chiama "fail-fast"). E per questo, servirebbe anche che il potere politico avesse le mani legate sul piano fiscale e dell'indebitamento pubblico, in modo da non poter effettuare salvataggi neppure tramite quei canali.

Il boom in un sistema aureo si verificherebbe anche con la scoperta di nuove miniere o oro estraibile a buon prezzo.

La differenza è che non sarebbe così devastante e così prolungato perchè le banche non potrebbero espandere il credito su scala assimilabile a un sistema fiat. Esse non potrebbero rimanere in funzione con riserve dell'1 o 2% come adesso con la BCE. Inoltre il riaggiustamento sarebbe nmolto piu' veloce perchè non sarebbe pssibile sussidiare banche fallite