Titolo

Di chi è vittima l'Irlanda?

3 commenti (espandi tutti)

Piccolo OT.

Office è over usato. Excel è over usato. Per fare analisi con criterio ci sono i database e l'sql è un ottimo strumento. Per fare statistica puoi usare R che legge direttamente da database Sqlite . Per fare reportistica e/o documenti c'è il latex. Per fare le presentazioni, se non si devono fare cose fancy, si può usare TiddlyWiki che è un file html.

Per come la vedo io, Windows gioca sul fatto che i consumatori non conoscono le alternative e preferiscono usare programmi per fare cose per cui in teoria non erano progettati (Excel non è un programma pensato per fare analisi, per esempio).

Insomma, si è riusciti a creare una cultura Office a cui la risposta dei competitors non può essere OpenOffice, ma dovrebbe essere un modo completamente diverso di accontentare gli stessi needs. Purtroppo, finché i consumatori non percepiscono i limiti di Office, le soluzioni alternative lì rimangono.

Siamo sempre più OT, per cui non rispondo oltre, se volete scrivetemi in mail.

Scherzi, vero?

tu vorresti insegnare R, SQL e Latex a segretarie e ragionieri? A parte che se li imparano possono licenziarsi e mettersi a fare i programmatori., comunque:

  • Latex è un incubo: perfetto per formattare le formule, ottimo output tipografico,automazione di indici, ecc, ma praticamente devi impararti un linguaggio di programmazione per fare una mezza paginetta con titolo e numeri di pagina.
  • R non lo conosco, ma chi se ne frega di sqlite in un'azienda? se i dati non sono in un foglio excel sono sparsi in una mezza dozzina di database (magari di un bel sistema ERP tipo SAP o Oracle, divertiti a trovare il dato che cerchi) di cui nessuno ti darà mai le password, e lo strumento giusto per aggregarli è il data warehouse, non R.Più che far statistiche è questione di aggregare dati in formato diverso e trascodificare anagrafiche.
  • immagino che TiddlyWiki possa integrare immagini in un solo file e si possa spedire per mail come allegato senza far strillare l'antivirus, se no è utile quanto un costume da bagno al polo

No, l'alternativa ad office è openoffice, ed ha ragione PS sopra: per un sacco di aziende/uffici basta e avanza.Ma se il ragionier X perde 10 minuti al giorno perchè in openoffice l' import di CSV è più macchinoso, la sua copia di office l'ammortizzi in un anno.

Concordo che office è sovrautilizzato, un sacco di gente fa le cose in excel perchè non sa cos'è un database e/o non vuole pagare qualcuno per farlo.Ma molto spesso la verità è che i processi ed i requisiti sono poco chiari e molto variabili, e per queste cose excel è perfetto.Magari il vero problema è che hanno bisogno di un bel BPR, ma capisci che non è più questione di sistemi operativi.

@PS:

siamo più o meno d'accordo, il mio punto era che non è per nulla ovvio che ad un'azienda convenga installare linux + openoffice anzichè windows+office.Sia per questioni di training & manutenzione, sia per varie condizioni tecniche al contorno (es: io da studente usavo quasi solo linux, ora quasi solo windows perchè lavoro su SAP, che linux lo supporta solo lato server).Cmq mi pare che eccetto vista le versioni a 32/64 bit di windows siano OS decorosi.

Il fatto che si conoscano poche applicazione e si abusi nel loro utilizzo può capitare, lato client capita più spesso il contraio, applicazioni client pesantissime e inefficienti che vengono sottoutilizzate con impegno di grandi risorse computazionali.