Titolo

Vendola, Microsoft e i cantinari

20 commenti (espandi tutti)

Alessio, non capisco come tu possa interpretare la citazione che hai riportato come: open source uguale cantinari. Mi sembra che esprima semplicemente il dubbio che i modelli volontaristici e gratuiti siano insufficienti e che questi stessi modelli sì stia evolvendo verso strutture a pagamento. Non ho la competenza per sapere se questo è vero, ma contesto la tua tesi che mi sembra una errata e personale interpretazione di un testo più ampio. Ho apprezzato le critiche di Sandro Brusco e quelle dell'ultimo post newyorkese, ma trovo la tua poco obiettiva e distorta.

Commento rimosso dall'autore

Intendevi cvd ? Il Latino l'ho sempre studiato poco. :-)

Sì (anche se il latino l'ho studiato poco anch'io).

Poi ho rimosso perchè poteva sembrare aggressivo. Avrei dovuto metterci una faccina ;-)

Condivido, almeno in parte.

La mia interpretazione delle frasi di Vendola riportate (e del presunto contesto) è la seguente:

- Compagno Nichi, perchè fai accordi col sanguinario capitalista Microsoft invece di affidarti all'open source, gratuito e amico del Popolo?

- Cari compagni, perchè anche dietro all'open source si celano imprese che (dio sa come) in qualche modo perseguono odiosi profitti. Mica sono buoni cantinari che lavorano gratis per il bene del Popolo. L'idea mi piacerebbe, ma non è così. E poi magari va a finire anche che i prodotti open source sono meno sviluppati di quelli Microsoft. Per cui non mi rompete le balle.

Poi si può essere d'accordo o no (io, per quello che vale, non lo sono). Ma l'interpretazione di Alessio mi pare, effettivamente, distorta e fuorviante.

Tra l'altro, valeva la pena, magari, di analizzare un po' meglio il documento da cui la citazione è tratta. Che può dire cose più o meno esatte o condivisibile. Ma non mi pare si presti, nel suo complesso, al dileggio di questo post.

Btw, Vendola scrive anche:

E l’autonomia decisionale della giunta pugliese si esprimerà con un progetto di legge, che vareremo a breve, per rafforzare la migrazione verso l’open source dei servizi che la Regione Puglia finanzia in favore di tutte le Pubbliche Amministrazioni pugliesi. Il che significa molto di più di una dichiarazione di principio. Finanziamo i servizi informatici solo se si convertono all’OS.

(Grassetto nel testo originale). Ancora:

sono convinto che compito di un’amministrazione – amministrazione, non un partito – sia quello di non ostacolare nessuno ma di creare le condizioni per una libera concorrenza.

Ancora:

L’obiettivo vero – spero che Alessandro, Athos e Flavia concordino – è liberarsi dai monopoli e consentire una vera libertà di scelta.

oppure:

Io molto semplicemente penso che la rete in fibra ottica ci consentirà di affrontare una riforma, quella del sistema dei diritti di autore, che è nato nell’800 per tutelare l’ingegno. Oggi quel sistema tutela solo le major. Esso va rivisto

Evviva! Vendola è contro i monopoli! Vendola è contro il diritto d'autore! Finalmente un politico che la pensa come Boldrin!

Ovviamente non è vero: ho scelto in modo capzioso frasi isolate dal contesto. Voila!

nFA, per fortuna, sembra avere sempre più lettori. Mi chiedo se non sia un po' rischioso continuare a metterci dentro post che raccolgono poco più che sensazioni e battute (e che molti, invece, tendono a scambiare per "analisi"). A forza di post come questo (il cui autore, che conosco solo attraverso nFA, pure stimo e rispetto) mi chiedo se nFA non rischi di virare pian piano verso una superficialità banale e faziosa... quella che si contesta e quella di cui siamo già abbastanza appestati.

Nel merito, per me quello che conta è che la Puglia non dia soldi a Microsoft per questo "centro di competenza" finalizzato esclusivamente, in teoria, a "favorire lo scambio di esperienze". Che, quando si tratterà di dare appalti, li affidi attraverso gare aperte e regolari, che consentano un confronto, volta per volta, tra tutte le soluzioni disponibili (proprietarie e non). E che non si adottino soluzioni che limitino l'accesso a chi adotta standard differenti e creino rischi di lock-in.

[Commento modificato e completato in una seconda fase... chiedo scusa]

"La mia interpretazione delle frasi di Vendola riportate (e del presunto contesto) è la seguente:

- Compagno Nichi, perchè fai accordi col sanguinario capitalista Microsoft invece di affidarti all'open source, gratuito e amico del Popolo?

- Cari compagni, perchè anche dietro all'open source si celano imprese che (dio sa come) in qualche modo perseguono odiosi profitti. Mica sono buoni cantinari che lavorano gratis per il bene del Popolo. L'idea mi piacerebbe, ma non è così. E poi magari va a finire anche che i prodotti open source sono meno sviluppati di quelli Microsoft. Per cui non mi rompete le balle."

Sarà per le mie frequentazioni comunistoidi in famiglia, ma anche io avevo interpretato il Vendola-pensiero come ha scritto qui sopra marcospx. Mi sembra il tipico argomento dialettico della sinistra estrema, quello basato sulla purezza ideale, che verrebbe inquinata da ogni intento di profitto, da ogni organizzazione gerarchica od un minimo organizzata. È lo stesso limite psicologico per il quale in certi ambienti ideologizzati si deve usare la forma della cooperativa piuttosto che della srl, perché tutti si partecipi eguali, una testa un voto, nessun padrone, e robe così...

Infatti.

Interessante, tra l'altro, come il buon Nichi cerchi spesso di barcamenarsi tra questo tipo di linguaggio/retorica (deve farlo: un po' perchè lo condivide e un po' perchè è ciò che la sua base vuole) e quello, invece, che strizza l'occhio alla concorrenza e al mercato (again, deve farlo: un po' perchè lo condivide e un po' perchè è ciò che vogliono quelli che si propone di conquistare).

No way: ogni speranza di Vendola è riposta nella sua capacità di conciliare le due istanze. Da tempo qui su nFA ci si propone di analizzare il personaggio analizzandone solo le dichiarazioni. Impresa, temo, destinata a non dare grandissimi frutti.

I think you have a point here. Mi sono letto il documento intero e credo che chi gliel'ha scritto (vedi commento di GG qui sotto, anteriore al mio ...) sappia di cosa parla. Questa cosa mi ricorda molto la storia degli eroi di luglio ... e conferma la mia impressione su NV come il BS di sinistra. 

Ma ciò non toglie che il documento che linki dica cose ragionevoli.

Well, lesson learned. Vedremo di farne tesoro in futuro, come redazione. Quanto dici sulla nostra attività redazionale è sia corretto che lusinghiero, almeno per il passato ... :-)

La frase non e' decontestualizzata, se e' questo che intendi. Sia nel protocollo che nella lettera transpare ignoranza sia su come si fa innovazione, sia su cosa sia l'IT, sia sull'open source. E' su quella ignoranza che sono rimasto colpito ed e' quell'ignoranza che ho voluto sottolineare.

Inoltre, se leggi il protocollo, e' chiaro che questi accordi rientrano nelle politiche di "innovazione" di Vendola. Si parla di trasferimenti di conoscenza alle imprese e alle scuole e si pensa a Microsoft come appoggio.

Ora, il mio link sulla Finlandia non era a caso. Pare che in altri lidi l'innovazione non sia il closed source, ma l'open source, per vari motivi. Facciamo un esempio semplice semplice. Sofa e' un programma di statistica open source scritto in python. Io posso scaricarlo e vedere come e' fatto e imparare la logica dietro quel pezzo di codice. Questo e' un trasferimento di conoscenza, per come la vedo io. Nel caso di Microsoft, ho il forte dubbio che il trasferimento di conoscenza sia imparare ad usare Office. Mi sembra tutt'altro che un concetto innovativo.

Sulla tua polemica sulle "analisi". Io non so bene come rispondere, sta piu' ai redattori. Siccome ho qualche esperienza di analisi statistica, ti posso dire che fare analisi costa. Costa tempo. Quindi, a volte qualche commento ragionato, dichiarato come tale (infatti il post non ha nessun fine analitico ed e' piuttosto chiaro), e', secondo me, inevitabile se vuoi stare al passo con le corbellerie che sparano quotidianamente in Italia i vari politici dei vari schieramenti.

La frase non e' decontestualizzata, se e' questo che intendi. Sia nel protocollo che nella lettera transpare ignoranza sia su come si fa innovazione, sia su cosa sia l'IT, sia sull'open source. E' su quella ignoranza che sono rimasto colpito ed e' quell'ignoranza che ho voluto sottolineare.

Ho voluto anche io leggere per bene i due post di Vendola. Nel secondo dice in effetti molte cose vere e condivisibili.

Mettendo da parte il merito della discussione su Microsoft vs. Open source, Vendola però propone anche teorie ben strane! Sulla generale ignoranza del settore, mi sento di appoggiare l'opinione di Alessio. Scrive infatti Vendola:

[...] 4. Infine, la cosa più importante. La grande partita della Larga Banda, che costituisce – a mio avviso – il vero fattore scatenante nelle politiche di superamento del divario digitale e di rafforzamento delle competenze. La rete in rame è un collo di bottiglia per le idee. Va sostituita al più presto.
[...] Io molto semplicemente penso che la rete in fibra ottica ci consentirà di affrontare una riforma, quella del sistema dei diritti di autore, che è nato nell’800 per tutelare l’ingegno.

Io non credo che oggi il digital divide italiano sia da attribuirsi alla lentezza delle connessioni, causato da una ipotetica carenza di banda larga. Le dorsali dei maggiori carriers nazionali sono tutte in fibra e sono ben capienti, visto anche che alcune aziende (Telecom, Fastweb, Infostrada) hanno a suo tempo investito per progetti di sviluppo sulla televisione via web, che come noto mangia parecchia banda anche quando la tecnologia è bandwidth-saving (multicast).
Per fare un esempio numerico sul sottoutilizzo delle infrastrutture, una delle maggiori server houses italiane ha oggi banda proprietaria per 50 Gbps raccordata ai network internazionali, e ne occupa meno della metà.

Il mio punto di vista è che sia la diffusione dell'uso di internet, come strumento quotidiano per informarsi e usufruire di servizi, che in Italia è ancora limitato rispetto agli altri paesi europei. Qui in Italia concetti come leggere il quotidiano esclusivamente online, o prenotare i biglietti ferroviari via web, sono ancora appannaggio di minoranze. Agli italiani che al più navigano su Facebook e siti porno, avere a disposizione 100 o 1.000 Mbps di banda non cambia nulla, proprio per niente. Idem per le aziende, in special modo le PMI, che molto poco utilizzano piattaforme B2B o di integrazione informatica dei sottosistemi aziendali (esistono le eccezioni ovviamente). Al più se esiste un problema di collo di bottiglia è nei piccoli centri periferici, dove gli investimenti nella posa di fibra ottica non è detto siano remunerativi (c'è l'alternativa del WiMAX).

Né per affrontare una riforma del diritto d'autore servono i 100 Mbps come sostiene Vendola. Perché mai? La "crisi" del diritto d'autore, le reazioni delle majors discografiche, i movimenti pro-pirateria, il caso Napster, son tutta roba che esisteva negli anni '90 con i modem a 36.6kps (per i più giovani: così lenti che oggi non ci potresti guardare neppure un video su Youtube!). Anzi, ancor prima c'erano fotocopie e cassette registrate. Che c'entra la banda larga, o larghissima?

La dietrologia è pratica antipatica, e non voglio essere tra quelli che, come scrive Vendola, passano al setaccio ogni sua parola "alla ricerca di pretesti per polemiche". Però delle due: o ha un'idea del digital divide italiano che non condivido per nulla per i motivi detti; oppure al solito, il fascino della spesa pubblica non manca di irretire anche i poeti rivoluzionari, dato che il costo di impianto della fibra ottica (una stima comunicatami tempo addietro da tecnici Fastweb parlavano di cifre attorno a 150€ per metro lineare, all inclusive) permetterebbe di far girare discrete somme di danaro pubblico.

Bell'articolo! A me sembra più una denuncia dell'ignoranza profonda dei nostri "leader", questo è il vero problema: sono tutti incompetenti. Anche "Il più figo di tutti".

 

Ad integrazione di quanto scritto da Diego d'Andria aggiungo che le più banali implementazioni di IT non si vedono, aldilà delle PMI (che sono private e se non innovano sono cazzi loro), nelle amministrazioni pubbliche: quando ti ritrovi con software dell'ufficio tecnico che non comunica, non dico con gli uffici regionali, ma neanche con l'ufficio anagrafe dello stesso comune... beh stiamo freschi :)

 

Se puo' consolare, i paesi che si muovono con competenza e lungimiranza quando si parla di internet, software e similia si contano sulle dita della mano. Gli USA stessi tra il baciaculo alla RIAA (la loro SIAE), i software patents e la mossa della net neutrality han fatto cose da buttarsi le mani tra i capelli. UK e Australia applicano censura belle e buona. Ad infrastrutture, a parte i paesi scandinavi la corea e il giappone, sono un po' tutti indietro di decenni.

Se poi si parla di temi un po' piu' esotici come criptografia o net security, si salvi chi puo'.

 

Devo dire che la prima risposta che Vendola aveva dato sul suo blog a chi lo aveva criticato (qui) l'avevo trovata super fumosa, arrogante e chiaramente si capiva che brancolava nel buio. Questa seconda che invece linka Alessio nell'articolo mi sembra ben altra cosa, tanto che dubito l'abbia scritta la stessa persona.

Questa cosa del "non sono cantinari, sono business" credo sia un modo di dire che alla fine anche adottare open source costa e che secondo alcuni il costo della migrazione non vale - ancora - la candela. Io non sono d'accordo ma la risposta di Vendola in questione mi sembra OK.

I agree.

(Chiedo scusa, ho modificato il mio commento precedente... lo avevo postato per errore prima che fosse completo)

Forse ti sembra ok proprio perchè ti sei sorbito la prima ! Cito a caso (neretto mio)

"A mio parere dovremmo guardare a queste dispute con lo stesso coraggio che ci aiuta a decifrare la politica di questi giorni bui. Combattendo i luoghi comuni."

"Dovremmo ammettere che in un secolo nuovo che si apre al cloud computing, all’open data government, alla neutralità tecnologica, al crollo dei prezzi delle Apps, il compito delle politiche pubbliche non è più tanto di scegliere tra competitori, ma quello di allargare le autostrade della società dell’informazione."

"Qualcuno ha detto: Internet è il regalo di Dio alla Cina. In realtà, Internet è il regalo degli uomini (non so, forse anche di Dio) al Sud. Al Sud del mondo e dell’Italia."

In questa logica, la Puglia sceglie per la Pubblica Amministrazione l’Open Source, ma non chiude la porta ai grandi competitori internazionali che rispettano la scelta di neutralità tecnologica della Puglia e che collaborano per fare della Puglia e del Sud un polo di eccellenza di questo secolo."

Ma un cazzo di numero o di motivo "pratico" per spiegare come mai Microsoft sia stata preferita no?

Ok, dice MS non è il bau bau e anche gli altri vogliono "malvagiamente" fare business ma mi sembra che non risponda alla domanda.

Poi è assolutamente fantastica la chiusa con il contentino per quelli che evidentemente considera i freak dell'open source:

La giunta regionale, la settimana prossima, approverà un disegno di legge sull’open source quale sistema di riferimento per l’e-government regionale.

Solo io ci vedo una supercazzola?

Non è questione di pro o contro Open Source, la questione è che NV prende una decisione criticata da parte della sua base e lui invece che rispondere nel merito e spiegare perchè ha legittimamente scelto una soluzione piuttosto che l'altra usa i fumogeni.

Non è questione di pro o contro Open Source, la questione è che NV prende una decisione criticata da parte della sua base e lui invece che risponde nel merito e spiegare perchè ha legittimamente scelto una soluzione piuttosto che un'altra usa i fumogeni.

Non condivido. Al di là della retorica fumogena (già più volte stigmatizzata su questo sito) e qualche micnchiata qua e là, come il regalo di Dio ecc., a me la risposta nel complesso pare chiara: abbiamo fatto un protocollo d'intesa con Microsoft per discutere, scambiare conoscenza e ricercare soluzioni. Tanto è gratis e vale la pena di farlo per Microsoft è un colosso (e noi, btw, dimostriamo di non temere i colossi). Poi però, vareremo una legge per favorire l'open source che, in generale, preferiamo perchè non limita le possibilità di accesso e per la sua "neutralità tecnologica".

Ok, NV scrive in un modo fumoso retorico altisonante, à la Voltremont. Nel merito, dov'è l'enorme problema?

Invece secondo me è fumoso oltre la retorica: è fumoso nel contenuto.

Tanto è gratis e vale la pena di farlo per Microsoft

Perchè vale la pena farlo con MS? Non mi sembra che lo dica.

Fa solo una lunga spiegazione del fatto che la distinzione manichea tra MS e OS è sbagliata (ed io sono perfettamente d'accordo), lo fa con un tono saccente da "scendete dal pero" facendo alcune affermazioni retoriche e non dimostrate, ma poi non dice perchè ha optato per l'uno e non per l'altro.

A me non frega niente, ma magari alla sua base si.

Su questo, infatti, sono d'accordissimo con te.

Solo - permettimi - anche tu hai tagliato la mia frase, nella citazione: (MS è un colosso e lui vuole dimostrare di non avere paura dei colossi). :-)

Poi, si può discutere se l'opportunità di discutere di innovazione con MS sia autoevidente, in considerazione del fatto che, accipicchia, MS è MS.

 

Giovanni, spiegati meglio.

Vendola poi fa una rassegna di programmi open dicendo che dietro ci sono imprese. Quella parte non e' nell'articolo che ho scritto, ma e' menzionata. Quel pezzo fa capire che Vendola sta paragonando Microsoft a open source solo sul fatto che entrambi si baserebbero sul profitto.

Tra l'altro, i "modelli volontaristici" sono un modo piuttosto generico di definire l'open source. Grossi software open source sono portati avanti da aziende. Il sistema operativo Ubuntu, basato su Debian, e' portato avanti da Canonical e viene aggiornato ogni 6 mesi. Ora, ogni quante volte viene aggiornato Windows? Debian e' un sistema operativo "volontaristico" che ha quasi 20 anni.

Insomma, io sia nel protocollo con Microsoft, sia nella lettera di Vendola, ci vedo contraddizioni e ignoranza. Se tu non ce la vedi, dimmi dove che se ne discute, l'articolo l'ho scritto per quello.

Semplicemente qualcuno del suo staff dovrebbe spiegare a Vendola che ci sono aziende che basano il loro business sull'open source e che vanno anche benino al nasdaq; ma che, a differenza di microsoft, rilasciano i loro prodotti con licenze GPL e simili, con tutte le ricadute che si possono immaginare in termini di diffusione della conoscenza.

E sarebbe da ricordargli che le norme sull'amministrazione digitale prevedono il riuso del software: cosa meglio dell'opensource per farlo? (vedi progetto plonegov)

Molto meglio gli amministratori locali di Muenchen o Bozen.

Che tristezza un comunista poeta che si piega al monopolista mondiale. Mi sa che vado sul suo blog a dirgliele io ste cose.