Titolo

Due idee per Mariastella e chi verrà dopo di lei

5 commenti (espandi tutti)

Per quanto riguarda l'osservazione sul numero degli autori dei papers .........

a me pare che il baco sia considerare la media delle citazioni invece del numero assoluto

autore A 1 pubblicazione 100 citazioni : media 100 ; valore assoluto 100

autore B 10 pubblicazioni 8 con100 citazioni , 2 con 50 : media 90 ; valore assoluto 900

e qui non ci sono dubbi che , accettato il criterio delle citazioni , con la media B soccomberebbe pur essendo il più valido.

Così nell'esempio :

A : con la media 50 ; valore assoluto 50

B : con la media 45 ; valore assoluto 90

ciò detto io non credo che se una istituzione è marcia possa essere bonificata applicando algoritmi automatici

è come credere che il tanto sbandierato federalismo possa "smarcire" la società italiana.

Auguri

Avete mai pensato alla dipendenza del numero di citazioni dal numero degli articoli pubblicati sullo stesso argomento? Leggo ora un articolo su Notices of the American Mathematical Society, Dicembre 2010, pag. 1421, che non parla di citazioni, ma che riferisce, ad esempio, che nell'ambito della "group theory" sono usciti nell'ultimo decennio un numero di articoli pari al 2,63 % di tutti gli articoli pubblicati (e recensiti da MathSciNet) di matematica. Per contro, ad esempio, si deduce da un grafico che sono classificati come "partial differential equations" l'8,8% degli articoli pubblicati nello stesso periodo. Ci si dovrebbe aspettare la stessa proporzione per le citazioni. Anche qui dovremmo "normalizzare"? Aggiungo che non basterebbe normalizzare per "settore scientifico disciplinare" perché, ad esempio "partial differential equations" e "abstract harmonic analysis" appartengono allo stesso settore scientifico-disciplinare italiano (MAT05 Analisi matematica), ma la sproporzione tra numero di articoli pubblicati è ancora maggiore: (approssimativamente lo 0,5% dei lavori di matematica pubblicati è classificato come "abstract harmonic analysis").

Mi sembra ragionevole, ma non facile da implementare.

Lo stesso fenomeno si osserva considerando la lista dei matematici "top", come ho osservato qui

Non facile da implementare, ma nemmeno troppo difficile per la matematica. E' facile contare gli articoli pubblicati in ognuno dei settori associati alle prime due cifre della classificazione di MathReviews, mettiamo per un certo numero di anni, ad esempio pubblicati in un triennio non troppo vicino al 2011 e posteriore al 2001. Più difficile è contare le citazioni di questi articoli. Ma per una stima del numero di citazioni si potrebbe considerare, invece dell'universo dei lavori recensiti da MathReviews, un campione aleatorio stratificato per settore. All'interno di questo campione aleatorio, molto più ridotto,  si potrebbero contare direttamente le citazioni di tutti gli articoli.  La mia congettura è che il numero di citazioni medio in ciascuno dei settori determinati dalle prime due cifre della classificazione, sia proporzionale al numero degli articoli pubblicati nello stesso settore. Se questa congettura fosse verificata in questo contesto, aiuterebbe a comprendere il significato che possiamo dare al numero di citazioni come misura della qualità, anche in altri campi dove non abbiamo banche dati complete come quella di MathReviews. Naturalmente il numero delle citazioni influenza tutti gli altri indici "bibliometrici" dall'indice H allo Impact Factor. Infine è bene osservare che è anche possibile sostenere che gli articoli di migliore qualità sono quelli che si occupano di problemi ai quali si interessa il maggior numero di studiosi. Non è una opinione da scartare a priori. Si può anche ritenere però che chi segue le mode o le grandi scuole finisca per rinunciare ad essere particolarmente originale. La mia opinione è più orientata su quest'ultimo versante e temo che l'enfasi sul numero delle citazioni abbia conseguenze negative sule scelte dei giovani (matematici) che, quando sono bravi, dovrebbero cercare di arrivare a risultati veramente nuovi ed originali, invece di svolgere esercizi di ricerca al seguito delle grandi scuole.

Avete mai pensato alla dipendenza del numero di citazioni dal numero degli articoli pubblicati sullo stesso argomento?

Assai. È fenomeno noto. In economia, per esempio, i migliori papers di teoria hanno un numero miserrimo di citazioni rispetto anche (mediocri) papers di cose "applicate", specialmente microeconometria dell'area cosidetta di "labor" ...

Un'altra ragione per cui indicatori monotoni lasciano molto a desiderare.