Titolo

Due idee per Mariastella e chi verrà dopo di lei

5 commenti (espandi tutti)

Caro Michele

riassumo.

[in parentesi quadre i miei commenti].

 

(1)

 

A dire il vero, le università italiane sono 89 di cui 61 sono statali. Gli altri 28 atenei sono non statali ed includono 11 atenei telematici. Tra gli atenei statali, quelli che offrono corsi di dottorato sono 51 (tutte informazioni facilmente reperibili sul sito http://statistica.miur.it/).
(gdn 29.12.2010 ore 19.11)

[fonte affidabile, dati giusti]

 

(2)

 

Mi tocca continuare a smentire Giavazzi :-): Le università pubbliche sono 61.
(gdn 30.12.2010 ore 22.21)

[lapsus calami: non ``pubbliche'' ma ``statali'']

[scrivere ``100'' invece di ``89'' non e` un lapsus calami ma una approssimazione per eccesso con funzione retorica (una esagerazione)]

(3)

 

Mi scuso di aver fatto perdere tempo a chi voleva verificare. Di solito, faccio tutto il possibile per mettere i links alle mie fonti, ma questa volta mi sono distratto. Ho preso i dati direttamente dallla pagina del'Ufficio di statistica del MIUR che conferma quanto avevo scritto (61 Atenei statali)
(gdn 04.01.2011 ore 00.34)

 

(4)

 

A essere precisini le pubbliche sono 71 [segue rimando a Wikipedia]. (mb 03.01.2011 ore 21.20)

[si usa una fonte che non e` tra le piu` affidabili, in quanto non e` tra le piu` aggiornate, per smentire i dati che provengono da una fonte affidabile, forniti in (1)]

Insomma, se FG è impreciso, GdeN lo è altrettanto. Ognuno stiracchia i numeri dalla propria parte, in classico stile italico. (mb 03.01.2011 ore 21.20)

[non credo che si possa ragionevolmente concordare; e` vero che gli e` scappato un ``pubbliche'' invece di ``statali'', ma i dati forniti in (1) erano giusti, la fonte affidabile, appropriati i termini]

(5)

 

Io, se hai ben notato, NON ho usato Wikipedia per contestare a GdeN il numero di sedi ma il numero di università, che sono 10 più di quanto lui sostenga. Giusto? Giusto. (mb 03.01.2011 ore 22.36)

[non direi]

(6)

 

Bene. Ora sembriamo tutti d'accordo che le università (non pubbliche, statali o chediavolo, ma università e basta, visto che quello era il termine usato, non a caso!) sono 89, ossia né 100 né 61.(mb 04.01.2011 ore 19.51)

[GdN ha quasi sempre usato i termini giusti, a parte il lapsus calami gia` segnalato in (2), e ha dato i numeri giusti; il termine usato non e` mai stato ``universita' '' e basta, e per buone ragioni; e il primo a dare i numeri 61 e 89 e` stato lui]

Lascio alle vostre capacità aritmetiche il calcolo di quale fra i due numeri sia il meno erroneo.
(mb 04.01.2011 ore 19.51)

[appare ingiusto infierire su un lapsus calami, basato su un numero giusto, e metterlo sullo stesso piano di un numero inventato di sana pianta]

Io, visto che sembra esserci una mancanza di comprensione, chiarisco per l'ennesima volta perché ho bacchettato GdeN su questo numero (e su altri, vedasi altrove). Lo faccio con chiunque usa i numeri come clave con pura funzione polemica, senza contribuire nulla di positivo alla discussione. Questo mi sembra un esempio perfetto di polemica pretestuosa (perché pretestuosa? Perché il numero di FG era più vicino al "vero" di quello di GdeN che si è preso la briga di correggerlo con la matita rossa!!!)
(mb 04.01.2011 ore 19.51)

[non posso concordare: GdN si e` preso il disturbo di andare a vedere quali sono i numeri giusti, e li ha dati, i numeri giusti; FG no: da dove viene il 100? non mi puoi montare su tutta una storia basandola sui numeri, sui dati, sui fatti, e poi venirmi a dire che i numeri sono approssimati, e che i numeri non contano: sono il primo a dire che i numeri non contano; ma e` FG che ha cominciato; se proprio si deve dire che uno dei due ha approssimato per eccesso i numeri a puro scopo polemico, scrivendo su un quotidiano a larga diffusione (Epater le bourgeois!), allora non si tratta di GdN]

 

 

[mi riservo di rispondere agli altri tuoi commenti, quando mi sentiro` meglio (ho l'influenza)]

 

ma siamo poi sicuri che il MIUR conosca il numero delle Università pubbliche , statali o non ?

Tempo fa il MIUR ha anche fornito a Vespa il seguente cartello.

 

 

Sei sicuro che non sia Vespa che fa il millantatore? Non ho molta  stima dei burocrati del MIUR, ma in genere non mi sembra siano soliti sparare numeri a capocchia (a differenza dei giornalisti).
[Oooops... ho  toppato! Qui aveva ragione Lallo: si veda il link nel PS]

Comunque questa immagine starebbe bene nel thread "Innumeracy".

PS: il dato sul numero dei precari era clamorosamente sballato di un fattore 10. Ma anche se fosse stato corrtto, pure la stima (3% del PIL) mi sembrerebbe altrettanto improbabile. Sbaglio?

questo paese nel ranking dei libri più venduti  si ritrova :

al primo posto un libro di ricette di Cristina Parodi ( che ne ha un altro nei primi dieci )

al secondo uno della Litizzetto

al quinto un altro di ricette della Clerici ( Mediaset batte RAI 2 a 0 )

stante la situazione non credo più a nessuno!

Caro Fausto,
                 grazie del riassunto. Quando avevo visto che la cosa prendeva una brutta piega, avevo smesso di leggere, ma ero un po' curioso di capire come andava a finire.

Pero' forse,  per l'influenza, dormire fa meglio che leggere nFA :)