Titolo

Due idee per Mariastella e chi verrà dopo di lei

1 commento (espandi tutti)

Non facile da implementare, ma nemmeno troppo difficile per la matematica. E' facile contare gli articoli pubblicati in ognuno dei settori associati alle prime due cifre della classificazione di MathReviews, mettiamo per un certo numero di anni, ad esempio pubblicati in un triennio non troppo vicino al 2011 e posteriore al 2001. Più difficile è contare le citazioni di questi articoli. Ma per una stima del numero di citazioni si potrebbe considerare, invece dell'universo dei lavori recensiti da MathReviews, un campione aleatorio stratificato per settore. All'interno di questo campione aleatorio, molto più ridotto,  si potrebbero contare direttamente le citazioni di tutti gli articoli.  La mia congettura è che il numero di citazioni medio in ciascuno dei settori determinati dalle prime due cifre della classificazione, sia proporzionale al numero degli articoli pubblicati nello stesso settore. Se questa congettura fosse verificata in questo contesto, aiuterebbe a comprendere il significato che possiamo dare al numero di citazioni come misura della qualità, anche in altri campi dove non abbiamo banche dati complete come quella di MathReviews. Naturalmente il numero delle citazioni influenza tutti gli altri indici "bibliometrici" dall'indice H allo Impact Factor. Infine è bene osservare che è anche possibile sostenere che gli articoli di migliore qualità sono quelli che si occupano di problemi ai quali si interessa il maggior numero di studiosi. Non è una opinione da scartare a priori. Si può anche ritenere però che chi segue le mode o le grandi scuole finisca per rinunciare ad essere particolarmente originale. La mia opinione è più orientata su quest'ultimo versante e temo che l'enfasi sul numero delle citazioni abbia conseguenze negative sule scelte dei giovani (matematici) che, quando sono bravi, dovrebbero cercare di arrivare a risultati veramente nuovi ed originali, invece di svolgere esercizi di ricerca al seguito delle grandi scuole.