Titolo

Rigore Morale e Solidarietà

1 commento (espandi tutti)

Dall'idea che mi sono fatto non c'è la volontà di finire sui giornali da parte di nessuna delle due parti (sindaco o insegnanti). Non è come ad Adro, dove invece, secondo me, il sindaco fa di tutto per apparire sui media.

Il problema è un altro: le insegnanti hanno visto una bimba senza pasto ed è venuto loro spontaneo regalare il proprio pranzo (invece di andare a comprare i buoni: non ci avranno pensato, ma come ho detto in un altro commento hanno comunque adottato un modo che evitasse di pesare sul comune o sulla ditta fornitrice) e informare della situazione la dirigente scolastica, affinché informasse il comune. La dirigente ha cercato di risolvere il problema come poteva (ho scritto come in un altro commento). Il sindaco, constatati in qualche modo la possibile (dico possibile, perchè comunque gli insegnanti hanno anche dei doveri nei confronti dei bimbi, non solo nei confronti del comune o dello stato) illegittimità del comportamento (sicuramente c'è un tecnico che gli ha detto del "danno erariale". Sinceramente: a quale persona normale verrebbe in mente che c'è un danno all'erario, se il numero di pasti erogati sono uguali al numero di buoni?) e la ritrosia degli insegnanti ad attottare le soluzioni della dirigente, solo allora, sentendosi in qualche modo buggerato dalle insegnanti stesse (che continuano a dar da mangiare alla figlia di un extracomunitario musulmano contro la volontà del sindaco, e, a quanto pare a lui, contro l'erario comunale), parte con le minacce di ritorsioni disciplinari. Tutto questo invece di risolvere il tutto "in via bonaria" (che è quello che contesto al sindaco: è quello che dovrebbe fare un sindaco!)

Come ho detto secondo me è un problema di comunicazione tra istituzioni pubbliche (in queste comunità scuola e comune sono tra le istituzioni principali), dovute a ragioni politico-culturali che si sono sfortunatamente radicate (insegnante=statale sfaccendato, leghista= ignorante xenofobo) e che esplodono solo ora per il sopravvento di sindaci leghisti, che prima non c'erano.

Lo dico perché non si tratta affatto del primo caso nella zona, di certo è il più eclatante perché colpisce il pasto di una bimba di quattro-cinque anni (l'età precisa non conta: magari è nata nel 2006...).