Titolo

Rigore Morale e Solidarietà

11 commenti (espandi tutti)

C'e' una ragione perche' su 164 commenti (molti per la verita' dello stesso autore) nessuno e' scritto da una donna?

giuliana allen

Beh questa è una domanda interessante. Che ne pensa una donna, e insegnante per giunta? Mi sa che è da te che ci aspettiamo una risposta... ;-)

Cara Giuliana, 

mentre sto inserendo questo, il post ha 176 commenti e io ne ho messi 4 (questo è il quinto) quindi:

molti per la verita' dello stesso autore

mi lascia un po' perplesso. Comunque mi piacerebbe molto sapere cosa pensi tu della questione e se hai un'idea sul perchè della prevalenza dei commenti maschili.

Grazie anticipate.

Misteri della lingua italiana:

 

molti dello stesso autore -> c'è una persona che è autrice di molti commenti (es. Boldrin), ma non è l'autore dell'articolo e l'utente con tale espressione si riferiva a Boldrin

 

per dire che si riferiva all'autore dell'articolo avrebbe detto (?):

molti dell'autore stesso.

Seguo NfA da non molto tempo, quindi le mie impressioni sono molto parziali, ma ho la sensazione che la presenza femminile nelle discussioni sia, dal pdv numerico, alquanto minoritaria indipendentemente dall'argomento.

Ciò premesso, penso che in generale le Signore sono più attratte dall'aspetto pragmatico delle cose, e abbiano meno interesse per dibattiti sul sesso degli angeli: argomento se si vuole degnissimo ma anche a mio maschile vedere molto lontano dal contesto di cui si discute, contesto che si presenta di non  difficile soluzione se appena osservato con un po' di sano pragmatismo.

Assatanarsi ad appuntare la matita all'inverosimile alla fine lascia in mano un mozzicone inutilizzabile col quale non si riesce a scrivere una parola.

Seguo NfA da non molto tempo, quindi le mie impressioni sono molto parziali, ma ho la sensazione che la presenza femminile nelle discussioni sia, dal pdv numerico, alquanto minoritaria indipendentemente dall'argomento.

Devo ammettere che anche io ho avuto la stessa impressione. Una curiosita' (domanda per gli amministratori): qual'e' il rapporto M/F tra gli utenti registrati su nfa?

Sapevo che internet tende ad accentuare le tendenze grupparole: ciascuno cerca on-line i propri simili con cui discutere. Mi sembrava che nfa facesse eccezione, ma forse semplicemente il meccanismo di auto-selezione scatta in base al genere piuttosto che all'orientamento politico.

Fenomeno sociologicamente interessante, comunque. Meriterebbe un post :)

Ciò premesso, penso che in generale le Signore sono più attratte dall'aspetto pragmatico delle cose, e abbiano meno interesse per dibattiti sul sesso degli angeli: argomento se si vuole degnissimo ma anche a mio maschile vedere molto lontano dal contesto di cui si discute, contesto che si presenta di non  difficile soluzione se appena osservato con un po' di sano pragmatismo.

Assatanarsi ad appuntare la matita all'inverosimile alla fine lascia in mano un mozzicone inutilizzabile col quale non si riesce a scrivere una parola.

Touché!
E sara' meglio che mi rimetta al lavoro.


Assatanarsi ad appuntare la matita all'inverosimile alla fine lascia in mano un mozzicone inutilizzabile col quale non si riesce a scrivere una parola.

Pura poesia.

La questione del rapporto M/F tra i commentatori è stata sollevata in passato, ma non credo sia stata trovata una spiegazione soddisfacente. 

Quanto al fatto che si discuta della lana caprina, non sottovaluterei il meccanismo del botta e risposta. Quando ho scritto il post pensavo che sulla vicenda in sè ci fosse davvero poco da dire e volevo semplicemente sottolineare che la trovata delle maestre era efficace e pragmatica e non si trattava del solito buonismo facilone che  la lettura di alcuni giornali potrebbe suggerire.

Invece c'erano alcune persone che la pensavano diversamente e poi la discussione è partita. Non credo però si sia trattato di un esercizio sterile: prendere atto che quello che per alcuni è scontato per altri non lo è, dovrebbe sempre farci riflettere.

La statistica non e' computabile, nelle occasioni in cui parlammo del tema in passato si scopri' che molte donne, per vari motivi, preferiscono usare pseudonimi di genere neutro. Comunque del tema ne ha parlato in new york times recentemente qui: http://www.nytimes.com/2011/01/31/business/media/31link.html e qui

http://www.nytimes.com/roomfordebate/2011/02/02/where-are-the-women-in-w...

Comunque del tema ne ha parlato in new york times recentemente qui: http://www.nytimes.com/2011/01/31/business/media/31link.html e qui

http://www.nytimes.com/roomfordebate/2011/02/02/where-are-the-women-in-w...

Molto interessante questo fenomeno. Mi chiedo se ci siano siti dove il rapporto e' invertito. Oppure la questione e' che sono gli uomini che piu' frequentemente si trovano nella situazione di lavorare davanti ad un PC (senza avere incombenze pressanti, of course).

C'e' una ragione perche' su 164 commenti (molti per la verita' dello stesso autore) nessuno e' scritto da una donna?

Perche' altrimenti non ce ne sarebbero scritti da uomini ;)

Gli uomini, per un tempo ovvie ragioni che nulla hanno a che vedere con supposte inferiorita' o superiorita', detestano competere (se non si nota, qui si compete ;) con le donne. Le quali un tempo preferivano saggiamente aspettare il risultato della mischia (maschile) stando fuori da essa.

Forse una risposta piu' articolata si trova qui:

http://www.ibs.it/code/9788854119246/darwin-charles/origine-dell-uomo.html

Non dovrebbero essere le donne a rispondere a questa domanda? Non vi è alcuna limitazione che impedisca alle donne di intervenire. Perché non lo fanno? Coma faccio io a saperlo che non sono una donna?