Titolo

Rigore Morale e Solidarietà

2 commenti (espandi tutti)

"Certo, dieci anni sono tanti, ma non è un mistero che nelle famiglie musulmane spesso le figure femminili si trovano in una condizione di isolamento sociale; non lavorando ed essendo limitate nelle interazioni con il prossimo non sono incentivate a imparare la lingua."

E va bene cosí? Non è un problema più grave di una bega di merendine?

 

"Certo, dieci anni sono tanti, ma non è un mistero che nelle famiglie musulmane spesso le figure femminili si trovano in una condizione di isolamento sociale; non lavorando ed essendo limitate nelle interazioni con il prossimo non sono incentivate a imparare la lingua."

E va bene cosí? Non è un problema più grave di una bega di merendine?

Certamente: questo e' un problema serio.

Anche io ritengo che concentrarsi su questo aspetto sarebbe forse piu' produttivo  (sicuramente piu' interessante): per questo ho cambiato il titolo al thread di commenti.

Il problema di fondo e': come ottenere un decente livello di integrazione? Ci sono almeno due approci diametralmente opposti:

(1) imponendo l'integrazione forzata;
(2) spendendo soldi pubblici in opera di mediazioni culturale.

Per quanto mi risulta (dalla lettura dei giornali) l'approcio che va per la maggiore nella LN e' il primo: "loro vengono a casa nostra e quindi devono uniformarsi ai nostri usi e costumi".

Ma qui mi fermo: mi sa che c'e' materiale per un nuovo post.