Titolo

Rigore Morale e Solidarietà

4 commenti (espandi tutti)

ma non conosco nemmeno violenze relativamente minori come ad es. incendi e attentati dinamitardi alle sedi dei partiti avversari.

Se ho ben capito il tuo ragionamento è che la violenza politica è quella che si esercita contro il nemico addidato ,più o meno esplicitamente, come tale dal partito ( ad es i fascisti per i comunisti e viceversa). Se ai leghisti metti gli immigrati come nemico, vedi che anche loro "causano indirettamente" violenza politica.

Edit: Ho semplificato brutalmente, ma spero che il concetto arrivi: per fare il paragone fra LN e gli altri si deve fare attenzione al fatto che la propaganda leghista ha fra i principali avversari ideali alcune categorie sociali (tipo gli immigrati) piuttosto che i partiti concorrenti, al contrario della maggioranza degli altri movimenti politici.

ma non conosco nemmeno violenze relativamente minori come ad es. incendi e attentati dinamitardi alle sedi dei partiti avversari.

Se ho ben capito il tuo ragionamento è che la violenza politica è quella che si esercita contro il nemico addidato ,più o meno esplicitamente, come tale dal partito ( ad es i fascisti per i comunisti e viceversa). Se ai leghisti metti gli immigrati come nemico, vedi che anche loro "causano indirettamente" violenza politica.

La creativita' italiana e' sempre viva, non c'e' che dire.  Non ho notizia di micro-violenza diffusa contro immigrati nella provincia di Treviso, dove anzi risulta che nel 2006 ci fosse il massimo livello di integrazione in Italia.  Episodi di violenza di massa contro immigrati si sono verificati in luoghi come Rosarno, Villa Literno e Napoli dove la LN e' assente.  In generale scarsa integrazione e violenza contro gli immigrati si verificano statisticamente nei territori con minore consenso e minore governo della LN. Insomma i dati dicono l'opposto di certa propaganda creativa, che infatti appare sgorgare unicamente da pregiudizi personali e viene espressa senza un minimo di ancoraggio ai dati di fatto.

 In generale scarsa integrazione e violenza contro gli immigrati si verificano statisticamente nei territori con minore consenso e minore governo della LN.

not for lack of trying...

http://danielesensi.blogspot.com/2011/02/acciacca-allo-zingaro-fa-proseliti.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+IlBlogDiDanieleSensi+(L'AntiComunitarista+-+Il+blog+di+Daniele+Sensi)

 

Tu hai detto

Non conosco atti di violenza politica comparabile che siano anche solo indirettamente collegabili col movimento LN, [...] ma non conosco nemmeno violenze relativamente minori come ad es. incendi e attentati dinamitardi alle sedi dei partiti avversari.

Io ho detto che se guardi ai nemici politici nella maniera che sopra ho definito questi episodi ci sono, tu mi rispondi:

Non ho notizia di micro-violenza diffusa contro immigrati nella provincia di Treviso, dove anzi risulta che nel 2006 ci fosse il massimo livello di integrazione in Italia

Prima parli di atti (episodi quindi) e poi di violenza diffusa. Io ho risposto alla prima affermazione, e credo non servano statistiche per provare che è falsa.

Mettiamo da parte anche il fatto che continui a confrontare mele con pere (che c' entra Rosarno con Treviso davvero non so, è come se confrontassimo le differenze nei test PISA tra i ragazzi del sud e quelli del nord-est e poi dicessimo che la Lega fa la differenza nell' istruzione pubblica). Ci sono cause storiche che determinano situazioni diverse di partenza nella struttura sociale, come ci sono cause storico-politiche che fanno la differenza nei risentimenti fra partiti.

La rilevanza statistica da sola non conta niente, visto che stiamo parlando di causalità e non numeri assoluti, per cui se anche mi dimostrassi che gli episodi di violenza al nord sono un decimo rispetto al sud, basterebbe che quel decimo fosse imputabile alla proaganda LN per far cadere la tua tesi di purezza leghista. Detto questo, gli episodi di violenza politica cui ti riferisci sono principalmente concentrati nei partiti extraparlamentari.