Titolo

Rigore Morale e Solidarietà

4 commenti (espandi tutti)

Scusa non ho capito, stiamo dicendo che se un'idota assassino comette un crimine è colpa del clima di odio creato dai partiti di sinistra? Se anche fosse (cosa che non credo) cosa toglie questo al fatto che la LN non prende ufficialmente posizione contro la sua componente razzista?

Stiamo dicendo che se gli altri partiti allevano terroristi (cosa che non credo) i leghisti fanno bene tenersi i razzisti? Tu hai scritto da qualche parte che due torti non fanno una ragione. Io credo in questo principio.

Pertanto il mio punto è la LN NON sconfessa il razzismo per cui gli osservatori che la considerano una forza politica razzista non sbagliano.  Non credo che nella stessa ottica si possa chiamare il PD comunista o il PDL fascista perchè loro ufficialmente prendono posizione contro gli estremisti. Che poi i razzisti siano minoranza e che vengano tollerati per opportunità politica può anche essere, ma non incide sulla linea ufficiale del partito su cui i giudizi vengono formulati.

Scusa non ho capito, stiamo dicendo che se un'idota assassino comette un crimine è colpa del clima di odio creato dai partiti di sinistra?

Io ritengo che ci siano dei nessi.  Marco Biagi chiedeva una scorta con lettera scritta alle autorita' competenti in cui sosteneva di essere criminalizzato dagli avversari politici, prima di tutti Cofferati, e di temere pertanto per la sua vita.  I cialtroni che lo dovevano proteggere l'anno lasciato senza scorta e lui e' morto. Ritengo che Marco Biagi avesse ragione a vedere il nesso tra certi modi indegni di condurre la lotta politica e la violenza assassina dei terroristi (che non sono per nulla "idioti" nel senso di insani di mente come forse alludi).

Se anche fosse (cosa che non credo) cosa toglie questo al fatto che la LN non prende ufficialmente posizione contro la sua componente razzista?

Premesso che parlare di "razzismo" e' fuori luogo e appartiene alla scadente propaganda politica contro la LN, e infatti i politologi che trattano l'argomento usano piuttosto il termine "intolleranza", concludendo poi (Mannheimer/Pasquino) che almeno gli elettori della LN non sono piu' intolleranti degli elettori degli altri partiti in misura statisticamente significativa, la LN dovrebbe, e non lo fa, prendere posizione pubblicamente contro certe esternazioni o azioni intolleranti di alcuni suoi esponenti.

Del resto anche i post-comunisti dovrebbero, e non lo fanno, prendere posizione pubblica contro i crimini di Palmiro Togliatti (vedi ad es. Corriere, Togliatti_via_italiana_allo_stalinismo, Corriere, COMUNISMO_Centomila_gavette_vergogna) che hanno avuto conseguenze materiali infinitamente maggiori della supposta intolleranza leghista. Invece lo chiamano e considerano ancora "il Migliore".

la logica è sempre la stessa : poichè chi è stato comunista non prende le distanze da Togliatti morto 46 anni fa ) oggi la LN , oggi , è autorizzata non solo a non prendere le distanze dall'"intolleranza" dei militanti ma ad incoraggiarla

perchè è vero che

gli elettori della LN non sono piu' intolleranti degli elettori degli altri partiti 

la differenza è che i dirigenti della LN la incoraggiano e fomentano ( per avere tornaconto alle elezioni ) mentre i dirigenti degli altri partiti , a costo di perdere voti , la condannano.

 

la logica è sempre la stessa : poichè chi è stato comunista non prende le distanze da Togliatti morto 46 anni fa ) oggi la LN , oggi , è autorizzata non solo a non prendere le distanze dall'"intolleranza" dei militanti ma ad incoraggiarla

Dove avrei scritto questo?  La LN sbaglia, i post-comunisti sbagliano. Un errore non corregge l'altro.  Aggiungo che Togliatti e il PCI hanno causato materialmente morte e distruzione, le conseguenze concrete di quanto si addebita alla LN sono a mia conoscenza sconosciute o irrisorie, e sembrano vivere nelle aspettative della propaganda ma non nella realta'. In ogni caso la LN dovrebbe correggere il suo comportamento anche se non lo fanno i post-comunisti, ma e' giusto e constribuisce a far valutare  correttamente il comportamento della LN ricordare quali sono i termini di paragone nella politica italiana.

gli elettori della LN non sono piu' intolleranti degli elettori degli altri partiti 

la differenza è che i dirigenti della LN la incoraggiano e fomentano ( per avere tornaconto alle elezioni ) mentre i dirigenti degli altri partiti , a costo di perdere voti , la condannano.

Alcuni dirigenti, forse. Poi vorrei vedere se i dirigenti della LN non condannerebbero un loro militante che si comportasse come accade a Roma al Pigneto, nota area dove la LN e' pressoche assente, vedi Roma, raid neonazista al Pigneto ad opera del fan di Che Guevara col tatuaggio.  Tra parentesi, e' indicativo che Repubblica chiami il raid "neonazista" quando il responsabile e' ignoto, e poi lo lo declassa a "Raid Pigneto" quando si scopre che il responsabile ha Che Guevara tatuato sul braccio ed era un antifascista democratico.