Titolo

Ahi, ahi ahi, Professor Sartori...

1 commento (espandi tutti)

Qual è il banale volumetto del MIT? Un riferimento, per cortesia

Provo a indovinare. Preciso: nulla ho a che fare con l'autore del commento precedente né condivido quanto scrive. Tuttavia da quello che scrive, direi che ha in mente questo.

In tutto questo dibattito credo ci sia un equivoco di fondo. Ciò dipende dal fatto che i cd "critici" degli economisti sono piuttosto approssimativi (ma ciò è un evidente indizio di ignoranza della materia) o peggio ancora non sono sempre in buona fede.

E' evidente che, così come è comunemente accettato che non siamo in grado di prevedere i terremoti, dovrebbe essere altrettanto evidente che non è possibile stabilire a priori che il mese X dell'anno Y vi sarà una "crisi economica" (magari può essere interessante sapere anche dove visto che in Cina non se ne sono praticamente accorti).

Per chiarire un po' la questione aggiungerei ancora qualcosa. Mi sembra di aver compreso che i geologi migliori ritengano, sulla base delle loro attuali conoscenze, di non essere in grado di prevedere un terremoto. Tuttavia sono in grado di comprendere quali sono le zone a rischio sismico più elevato e spiegarne il perchè. Naturalmente questo non implica che, in futuro,  grazie al miglioramento delle conoscenze, anche le previsioni sui terremoti non possano realizzarsi.

Proseguendo il paragone mi verrebbe da dire che anche gli economisti più bravi preferiscano astenersi dal fare previsioni, perchè comprendono che si tratta di una attività troppo difficoltosa, per la quale non siamo adeguatamente preparati. Magari, come per la geologia, sono però in grado di identificare una serie di misure che costituiscono un indizio importante di un aumento del rischio di una crisi, che tuttavia non sono sufficienti per fare una previsione esatta. Tuttavia nel mondo c'è molta domanda di previsioni economiche e ci sono molti soggetti che si definiscono economisti che per lavoro producono delle previsioni economiche. Se tali previsioni sono errate può succedere che l'opinione pubblica ne chieda conto. Non dovrebbe invece farlo il ministro dell'economia che ogni anno (o più spesso ancora) mette la sua firma sotto dei documenti che contengono espressamente o addirittura sono basati su delle previsioni economiche.

IMHO