Titolo

Crack

2 commenti (espandi tutti)

Ci sono due punti che mi fanno vedere con difficoltà un modello di segnalazione. Il primo e' che un'ipotesi implicita dovrebbe essere che siano chiari gli obiettivi imposti dalla UE e le successive verifiche (sui progetti di ricerca questo può funzionare, ma non mi sembra tanto per tutti i FAS). Questo perché, affinché il ministro possa andare in Europa e dire guardate non possiamo rispettare i vostri standards e quindi non sprechiamo e' necessario che siano chiari quegli standards e la loro valutazione; non mi sembra che sia sempre così. Il secondo punto e' che l'effetto indiretto potrebbe essere quello di indurre la UE a pensare che in realtà non abbiamo proprio bisogno di quei fondi (il che potrebbe anche starci, ma mi pare alquanto azzardato) e indurre così la commissione a toglierci i fondi. In questo caso dovrebbe essere chiaro alla commissione se noi ne abbiamo bisogno o e' solo perché abbiamo un classe dirigente ignobile che non li sa usare quei fondi. E un ultimo punto e' che il vantaggio possibile esterno deve essere commisurato a quello interno. In un modello di political economy il politico può utilizzare comunque quei fondi per incrementare la sua fetta di potere e anche di reputazione verso l'esterno (UE) se le due cose sono correlate (verosimile).

In un modello di political economy il politico può utilizzare comunque quei fondi per incrementare la sua fetta di potere e anche di reputazione verso l'esterno (UE) se le due cose sono correlate (verosimile).

Tremonti ha indubbiamente un interesse a trasferire denari al Sud.  E' in pole-position per la successione a Berlusconi, al nord gia' piace, deve convincere il Sud che e' l'uomo giusto anche per loro. La Banca del Mezzogiorno (o come diavolo si chiama l'ultimo mostro che hanno creato), questi sgravi, etc. etc. Elementare Watson, tutto punta nella stessa direzione!