Titolo

Oh Mia Bela Madunina: Il Programma di Pisapia

4 commenti (espandi tutti)

Grazie per i dati corretti. Se usassi la testa oltre a google ogni tanto...

Confrontabilità numero voti: il mio punto è che il voto a SX potrebbe essere praticamente immobile. Questo non posso dirlo con certezza dai dati: i 315mila di Piaspia potrebbero essere tutti diversi dai 319mila di Ferrante (e così via a ritroso), a causa di flussi compensati con altri partiti o con gli astenuti che non osserviamo. Ci sono alcune ragioni per farmi speculare che così non sia: la relativa stabilità anche della composizione per liste (anche qui flussi che si compensano?) e la tradizionale scarsa contendibilità del voto italiano (la conoscenza di qualche centinaio di conscenti milanesi di SX (l'unico panel a mia  disposizione), per quanto non significativa, è in perfetto accordo). Ora, se ammettiamo che gli elettori sian (sostanzialmente) gli stessi, io il confronto lo posso fare eccome, indipendentemente dalle alternative. O meglio, il punto sarebbe proprio questo: gli stessi elettori indipendentemente dal set di alternative. Mi sembra che il sospetto sia legittimo.

In questi giorni molti si agitano a dire che la vittoria è dovuta alla "sinistra che fa la sinistra" o al ritorno dell'entusiasmo e della partecipazione (che pure ci sono stati). La mia lettura è che ci sono 300mila e rotti milanesi che votano CSX (più o meno entusiasticamente) qualsiasi cosa succeda. Se gli altri fan peggio, si vince, se no si perde, perché ci sono 650mila milanesi a cui il CSX non riesce a rivolgere la parola, anche per le ottime ragioni esposte da Alberto Bisin nel post.

Il mio intento è  quello di suggerire una lettura più ragionata e utile (anche in vista della prosima settimana) del voto. L'ho fatto su FB con qualche ora di anticipo rispetto ai berluschini furiosi, con obbiettivi opposti, raccogliendo ovviamente un grandissimo successo (disfattista, piantagrane etc.). Ciao, Marco

Ci sarebbe molto da dire: per esempio che fra il massimo e il minimo dei voti validi nelle quattro tornate considerate c'è un bel 25%

E anche da considerare:

dal 1997 al 2011 si puo stimare che circa 160 mila elettori o sono nuovi e circa altrettanti, loro malgrado, hanno, per forza maggiore, smesso di votare.Tra una tornata e l'altra, se intercorrono i canonici 5 anni, questi elettori sono circa 60000.

Possiamo anche considerare che il nipote erediti dal nonno anche la scelta del voto: ma io non sono così sicuro.

A me sembrerebbe chiara una cosa: il voto a Milano per CSX o CDX segue, o anticipa, le tendenze del voto politico: la limitatezza delle osservazioni mi ha costretto ad usare il condizionale.  

Ciao aldo

 

 

 

 

 

 

Io sono d'accordo, Marco. Guardando a Milano (altrove non l'ho fatto) mi pare che Pisapia abbia preso i "suoi" voti. Ha fatto una campagna molto grassroot, girando per i quartieri e parlando con chi gli parlava - che probabilmente erano persone piu' a sinistra della media degli elettori di sinistra a Milano. Mi par ragionevole assumere che in quel gruppo d persone abbia preso piu' voti - nel senso che piu' del solito saranno andati a votare. Forse ha perso qualcuno di quelli che non mandano giu' la sua contiguita' coi centri sociali o la sua passata appartenenza a Rifondazione. Alla fine, mi par di capire dai numeri, che i due effetti si sono piu' o meno compensati. Boeri sembra lo abbia parecchio aiutato e cosi' la societa' civile che a Boeri (ma anche a Pisapia stesso) e' associata. Indipendentemente da quel che si pensi di questa societa' civile, l'aiuto  e' un buon segno di onesta' intellettuale dopo la sconfitta alle primarie.

Direi che e' stato bravo, Pisapia. Pero' secondo me alla fine il risultato e' un voto contro la Moratti che i) e' stata un pessimo sindaco, ii)  e' supportata da una classe politica a livello nazionale imbarazzante nella sua disonesta' (letterale e intellettuale) e iii) ha condotto una campagna moralmente indecente. Alla fine, Pisapia appare pacato ed e' certamente intelligente - ha sempre fatto il suo lavoro (nello studio e in parlamento). Stara' attaccato al suo bandwagon e vincera'. 

Sono assolutamente d'accordo. Pisapia e' stato bravo a tenere insieme l'elettorato di sinistra con elementi piu' moderati, anche grazie all'unita' di intenti con Boeri. Ma soprattutto hanno perso la Moratti, odiata dalla maggioranza dei milanesi grazie ai disastri della sua giunta, e Berlusconi.