Titolo

Oh Mia Bela Madunina: Il Programma di Pisapia

2 commenti (espandi tutti)

Questo non puo' essere un argomento contro PDL e Lega, secondo me.  PDL e Lega hanno approvato, faticosamente, una riforma costituzionale in cui il numero dei parlamentari veniva significativamente ridotto.

Nel 2006  Prodi ha chiesto agli elettori di votare contro quella riforma affermando contestualmente che avrebbe ridotto lui i parlamentari.  Quando Prodi e' andato al potere nel 2006 non mi risulta che sia stato fatto NULLA per ridurre il numero dei parlamentari.  Anzi, Prodi ha formato il governo col piu' alto numero di ministri e sottosegretari di tutta la storia della Repubblica italiana, se ricordo bene piu' di 100.

Cerchiamo di capirci. Io contesto l'equazione "IdV=giacobini=partito della spesa", non sto difendendo il centrosinistra. Anzi, i cosiddetti "giacobini" sono stati tra i pochi a contestare gli impresentabili del centrosinistra, a cominciare dall'ineffabile guardiasigilli Mastella.

Quando il centrosinistra approvera' una riforma costituzionale in cui il numero dei parlamentari sia ridotto almeno come nella riforma del 2006 se ne potra' riparlare.

E nel frattempo consoliamoci con le provincie di Monza e della Brianza, di Fermo e di Barletta-Andria-Trani :)

 

A parte che l'IDV E' uno dei tanti partiti della spesa: ha forse mai chiesto la riduzione sistematica della spesa pubblica o forse non chiede l'aumento della tassazione sui risparmi? De Magistris non chiede forse edilizia popolare, "giustizia sociale" nella sua campagna elettorale? Di Pietro ha forse contestato l'abolizione dello "scalone"?

Ma con giacobinismo ho chiaramente spiegato quello che intendo: la pervasiva e sistematica ingerenza e regolamentazione dello stato della vita dei cittadini incurante delle conseguenze inintenzionali che questa politica produce. Queste conseguenze inducono via via ulteriori interventi in una spirale senza limite alla fine della quale le nostre libertà civili e quindi politiche sono nel cestino della spazzatura. Proprio come ora. Non a caso Di Pietro & Co menzionano continuamente "legge", "regole", etc. senza nemmeno capire a cosa alludono: un diritto positivo del tutto arbitrario che rincorre continuamente i disastri dei precedenti interventi.

Per fare un esempio storico banale, l'emissione degli assegnati in Francia (frutto a sua volta dall'esproprio rivoluzionario dei beni ecclesistici) produsse elevata inflazione che ovviamente indusse l'imposizione di un calmiere che a sua volta indusse contrabbando e mercato nero e culmino' nelle gigliottine mobili dei sanculotti. Ecco: l'IDV non è altro che l'espressione moderna di questa ideologia e modo di fare politica