Titolo

Episodi di cialtroneria elettorale

1 commento (espandi tutti)

Vedi Michele, hai saputo descrivere cosi bene il mio pensiero, che adesso sfruttero il tuo post per spiegare meglio ai miei contatti francesi rimasti in patria perchè il sistema attuale è alienante per l'Italia e perchè l'Italia non riesce a decollare.

Lo so, adesso avrete le balle che vi girerano a mille perchè tra francesi ci permettiamo di discutere delle magagne italiane quando in Francia non è che siamo in paradiso. Però quelle cose che ci sembrano cosi scontate in Francia, invece da questa parte delle Alpi sono dei miragi allucinogeni (la mia figlia direbbe fotonici...).

Cacchio, la distruzione sistematica del meccanismo di miglioramento è cosi radicata in tutti i settori dell'attivita umana in Italia che ti viene voglia di sottoporre tutti a trattamenti d'urto per il cervello, ma mica per gli stessi motivi come ce lo suggerisce il cav (nessuno si sogna più di usare questo termine per disegnarlo a proposito, che strano).

Sapete, quando, in un organizzazione qualsiasi, vige la legge del "quel che conta non è fare bene, quel che conta è quello che decide il capo..." subito dopo seguita dalla più assurda "se non l'ho inventata io, non vale un cazzo...", è ovvio che dopo una lunga agonia tale organizzazione è destinata a morire. Ne moiono migliaia all'anno, sotto gli occhi di tutti. I motivi di una cosi elevata mortalità non sono mai attribuiti ad errato management. Ed è proprio la parte più assurda del comunismo che accomuna cosi bene il movimento liberaldelcazzo nello stesso pensiero manageriale feodale, che è proprio paradossale: il feodo non prevede nessuna possibilità di rapporti basati sulla conoscenza dei benefici del management moderno, e quindi non prevede nessuna partecipazione al processo interno di costante miglioramento dell'organizzazione stessa da parte dei suoi propri membri, al di fuori del capo stesso. A questo punto immagino che il processo in questione avviene al mattino, davanti allo specchio, e ad ogni domanda l'oracolo risponde.

A me ricorda una storiella per bambini in cui ci sono dei nani. Non è che sia molto diversa dall'attuale eh! Ad un certo punto, la Principessa troppo bella deve essere uccisa per non offuscare la Regina.

La piccola differenza che osservo con la ns di storia è che, nella ns, è il nano a mettere i bastoni fra le ruote.