Titolo

Episodi di cialtroneria elettorale

3 commenti (espandi tutti)

Direi di non essere fuori tema:

a Boldrin che contesta la mancata "cultura liberale" della borghesia italiana, tu hai risposto che la borghesia in Italia non esiste e lo ribadisci nel secondo commento dicendo che la borghesia si può formare solo in paesi di religione protestante.

Così non è e quello ho cercato di mostrare.

Forse tu identifichi automaticamente il "borghese" con il "borghese liberale", non è necessariamente così (anzi per molti, tipo Bunuel, non è MAI così)

Il discorso "colpa": dato che per me la borghesia in Italia esiste (ed è esistita) se l'Italia di oggi non è un paese liberale, ma clerical fascista, essa deve assumersi la sua parte di responsabilità storica (come da commento di Boldrin).

PS

La definizione "visione distorta" è riferito solo alla parte riportata in blockquote, non a tutto il tuo commento, mi sembrava chiaro.

Re(11): Bello

MauroLib 27/5/2011 - 14:17

Ok, chiarito.

Hai ragione, non riesco a immaginare una borghesia che non sia liberale. Caratteristica della borghesia è lavorare e 'fare affari'. Che vuol dire produrre beni e scambiarli con altri. Questo implica necessariamente libertà di allocare le proprie risorse per produrre beni e servizi che gli altri sono interessati a comprare. E li devi proporre a prezzi più bassi con la qualità che il compratore è disposto a pagarti. Questo fa un borghese. E questi sono concetti liberali e liberisti.

Se tu intendi dire che in Italia esistono produttori che possono fare a meno di allocare bene le risorse perchè fanno affari 'protetti' dallo Stato che interferisce creando regole che alterano il libero mercato e gli garantiscono 'rendite' protette, allora sono perfettamente d'accordo con te.

Questo caso, che mi pare il cancro del nostro paese, non chiama in causa la definizione di borghesia e tantomeno di cultura liberale. Chiama in causa la cultura clerico-fascista o come si usa dire oggi, fasciocomunista. Dove se vuoi avere successo devi fare affari col 'potente' (ieri il nobile o il prelato, oggi lo Stato).

Quindi, ancora una volta, di cultura liberale e di borghesia autentica ne vedo proprio poca e non riesco ad attribuirgli i danni che gli vengono imputati.

 

Quindi, ancora una volta, di cultura liberale e di borghesia autentica ne vedo proprio poca e non riesco ad attribuirgli i danni che gli vengono imputati.

Per quello dicevo sostituiamo "borghesia" con "elite" ed il discorso di Boldrin filerà perfettamente (poi si può essere d'accordo o meno, io sono d'accordo)

Sul fatto che di cultura liberale se ne veda poca direi che siamo tutti concordi, però nel post di Boldrin ci si riferiva alle elite che si autoproclamano "liberali" per vezzo intellettuale senza in realtà esserlo (chè proclamarsi reazionari, fasci o corporativisti non ha lo stesso appeal).

In sostanza parliamo di "elite liberale" perchè loro si son definiti così ma si è ben consci che liberali non lo sono mai stati, vedi la chiosa:

Anche ed anzitutto perché della cultura cosidetta "liberal borghese" altro non ha fatto che scempio e presa in giro.