Titolo

Episodi di cialtroneria elettorale

7 commenti (espandi tutti)

Prima di tutto la spocchia. Io ho fatto il classico in un liceo di provincia e non 100 anni fa (ne ho 31) e vi assicuro la spocchia e l'arroganza erano un classico sia tra gli studenti (figli di gente che magari stava un filo meglio degli altri da un punto di vista economico) sia tra i docenti.

Quanti ricordi!

Io sono più o meno della tua stessa generazione e anche io ho frequentato un classico di provincia. Una cosa tragicomica e al tempo stesso insopportabile.

Mi sono iscritto al ginnasio nel '90, anno in cui si è introdotto per la prima volta un programma denominato "mini-sperimentale". In pratica si faceva inglese per tutti i 5 anni ed informatica.

L'insegnamento dell'informatica era affidato alla professoressa di matematica, che probabilmente non aveva mai visto un computer in vita sua...

Gli alunni con i voti migliori erano sostanzialmente dei ritardati mentali, con l'unico talento di sapere ripetere a pappagallo quello che era scritto nei libri di testo.

Tutto molto brutto, veramente. Tuttavia, dubito che sia un problema solo del classico.

La cosa che mi ha sempre colpito, però, era la rigida divisione in classi sociali.

L'anno della mia iscrizione si formarono 4 classi:

Nella sezione D furono radunati tutti i figli di politici locali e imprenditori (per lo più costruttori) molto ricchi (e alcuni amichetti di questi figli che aveno fatto la scuola media insieme ai primi).

Nella sezone B furono radunati tutti i figli di liberi professionisti

Nella sezione C furono radunati i figli degli impiegati (io ero fra questi)

Nella sezione A furono radunati i figli di artigiani e lavoratori considerati più umili.

Ho da tempo tagliato ogni contatto sociale con quell'ambiente.

L'anno della mia iscrizione si formarono 4 classi:

Nella sezione D furono radunati tutti i figli di politici locali e imprenditori (per lo più costruttori) molto ricchi (e alcuni amichetti di questi figli che aveno fatto la scuola media insieme ai primi).

Nella sezone B furono radunati tutti i figli di liberi professionisti

Nella sezione C furono radunati i figli degli impiegati (io ero fra questi)

Nella sezione A furono radunati i figli di artigiani e lavoratori considerati più umili.

Scusa Capaneo con anni '90 intendi del '900 o del '800? Sono veramente stupefatto!

E curioso di sapere come giustificassero la cosa (se qualcuno ha mai chiesto loro di giustificarla).

 

E curioso di sapere come giustificassero la cosa (se qualcuno ha mai chiesto loro di giustificarla)

Stiamo parlando di Caltanissetta negli anni '90... nessuno sentiva il bisogno di chiedere spiegazioni, perchè tutti sapevano chiaramente quale fosse la spiegazione... e l'accettavano tranquillamente!

Funziona così anche nella provincia di Bari negli anni '00, sostenevo la stessa cosa nel post sui test alle scuole: all'interno delle stesse scuole contano le classi, non solo per la composizione degli studenti ma anche (soprattutto?) per quella dei docenti.

Va bene disprezzare per disprezzare...ma tutto ha un limite. Tutte le argomentazioni negative che Lei annota vanno bene per tutti gli indirizzi scolastici della scuola superiore italiana, non sono un problema endemico del Classico...

non sono d'accordo con Boldrin perche' nella sua invettiva contro il Classico si e' lasciato trasportare dal suo pensiero personale, che mi va benissimo, ma non ha dato riscontri oggettivi al suo ragionamento.

Per favore piantiamola

Tutte le argomentazioni negative che Lei annota vanno bene per tutti gli indirizzi scolastici della scuola superiore italiana

Non tutte..la divisione in caste all'ITIS o a ragioneria faccio fatica a immaginarla (anche perchè più di due classi non riuscirebbero a farle :-)

Io la media secondaria l'ho fatta al'Itis, e in prima eravano 11 sezioni :-))

Hai una fantasia ampiamente superata dai fatti.