Titolo

Le quote rosa nelle imprese

2 commenti (espandi tutti)

Credo che la discriminazione di genere esista  in Italia e sia relativamente grande, perche' nel Belpaese tende a prevalere la relazione personale sul merito, e almeno per sedimentazione storica oltre che per cultura  le reti di relazione sono maschili, sia nelle  imprese che nella politica. Non so capire se il provvedimento possa essere utile, dovrei sapere quale e' il livello di partenza di presenza femmiline e che effetto hanno avuto provvedimenti simili  adottati in passato in altri Paesi. Non mi sembra granche' positivo il fatto che in Norvegia sia stato difficile trovare donne qualificate per coprire il 40% dei CDA. Senza sapere molto, la mia impressione personale e' che questo provvedimento sia prevalentemente una stupidaggine che questa maggioranza poteva risparmiarsi per occuparsi di materie piu' serie ed urgenti. In particolare scommetto che i nostri parlamentari hanno una volta di piu' usato la forza dello Stato per propagare e amplificare la loro incompetenza, perche' non si saranno documentati bene sui fatti e le conseguenze di provvedimenti simili in altri Paesi, e ora approfitteranno del provvedimento stesso per dispiegare la loro disonesta' nominando nelle societa' controllate dallo Stato mogli, donne facili, veline e ballerine assortite.

Se è vero che le reti di relazioni sono maschili, il rischio che vengano considerati anche meriti extraprofessionali c'è...

Ma forse l' intenzione è buona.