Titolo

Il benessere degli italiani

1 commento (espandi tutti)

Mi ha molto colpito la questione benessere-statuto, e in particolare i dati della Tab.2.1 che riporta la statura media degli iscritti alla leva per regione.

Perchè il Nord-Est "parte" (dal 1861 per Veneto e Friuli VG e dal 1931 per il Trentino AA) in condizioni di maggiore benessere?

Mi vengono due tentativi di risposta. Il primo riguarda il fatto che le condizioni di vita erano migliori in quelle zone, forse per l'influenza dell'Impero Austo Ungarico; se vogliamo questa ipotesi segue il ragionamento di Boldrin sulla prova dell'A22.. Ma la cosa mi convince poco; queste terre sono state nell'800 terre di emigrazione per povertà diffusa. Il secondo tentativo di risposta è quindi legato all'emigrazione: non tanto perchè sono emigrati i più poveri (molto probabilmente sono emigrati i più coraggiosi)ma per il vantaggio lasciato a chi è rimasto.

L'aumento dell'altezza media in un determinato territorio o meglio in una determinata popolazione significa con buona attendibilita' miglioramento delle condizioni di nutrizione e quindi aumento di benessere/PIL. Il confronto tra altezze medie di diverse aree geografiche o popolazioni e' molto meno significativo: aree diverse possono avere popolazioni diverse caratterizzate da altezze medie diverse.

Credo che dai tempi dei romani ad oggi l'altezza media tedesca sia maggiore di 5-10cm di quella italiana per esempio. Oggi i morti per obesita' superano i morti di fame e la percentuale di obesi e' maggiore nel Sud Italia rispetto al Nord, tuttavia l'altezza media nel Nord-Est supera quella delle altre regioni: cio' significa probabilmente che le popolazioni del Nord Est hanno diversa origine e sono mediamente piu' alte. Forse poi contano anche altri elementi come il tipo di alimentazione e il clima, indipendentemente dal benessere/PIL.

Riguardo le condizioni del Nord Est al tempo dell'unificazione italiana, le stime del PIL pro-capite - che hanno una grande incertezza come accennato negli articoli di G.Federico - sono significativamente inferiori alla media del Centro-Nord. Tuttavia altri indicatori come l'alfabetizzazione e aggiungo io la sopravvivenza infantile da 1 a 12 mesi (in genere correlata col benessere) erano di buon livello. Non mi sembra invece che possa essere ritenuta indicatore di benessere la maggiore altezza media.

Se si volesse combinare in un unico indice i dati sul PIL, quelli sulla sanita' e quelli sull'istruzione si potrebbe usare l'indice di sviluppo umano, compilato dall'ONU.